Tumore della lingua allo stadio iniziale: la DOI evidenzia uno scarso valore prognostico in uno studio indiano

  • Rajappa SK & al.
  • Head Neck

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Uno studio retrospettivo suggerisce che la profondità di invasione (depth of invasion, DOI) è uno scarso fattore prognostico nei pazienti con carcinoma della lingua allo stadio iniziale e che l’aggiunta di terapia adiuvante basata sulla DOI non determina una sopravvivenza migliore.

Perché è importante

  • Sebbene l’ottava edizione del sistema dell’American Joint Committee on Cancer includa la DOI nella classificazione T, questo studio suggerisce che i pazienti non ottengono benefici dalla terapia adiuvante in assenza di altri indicatori.

Risultati principali

  • Gli esiti dei pazienti con DOI 0–5, 6–10 e >10 mm erano i seguenti:
    • sopravvivenza libera da malattia (disease-free survival, DFS) a 2 anni rispettivamente 89,77%, 82,39% e 75,90%;
    • DFS a 5 anni rispettivamente 88,65%, 77,84% e 72,79%;
    • sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) a 2 anni rispettivamente 97,8%, 92,64% e 92,72%;
    • OS a 5 anni rispettivamente 96,06%, 92,64% e 92,72%.
  • La RT adiuvante non era associata a variazioni significative della DFS o della OS nei pazienti con DOI >10 mm (rispettivamente P=0,844 e 0,46), DOI 6–10 mm (rispettivamente P=0,081 e 0,889) o DOI ≤5 mm (rispettivamente P=0,522 e 0,258).

Disegno dello studio

  • In 375 pazienti con carcinoma della lingua allo stadio iniziale sono state analizzate le associazioni tra DOI, terapia adiuvante ed esiti in termini di sopravvivenza.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Limiti

  • Studio retrospettivo.