Tumore della cervice: pembrolizumab è sicuro e fattibile con la chemioradioterapia

  • Duska LR & et al.
  • Cancer
  • 10/09/2020

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • I risultati preliminari confermano la sicurezza e la fattibilità di pembrolizumab aggiunto alla chemioradioterapia pelvica in modo concomitante o sequenziale.

Perché è importante

  • Il tasso di sopravvivenza a 5 anni in questo quadro dopo la chemioradioterapia standard è pari a circa il 65%, indicando la necessità di esplorare trattamenti che migliorino gli esiti.

Disegno dello studio

  • Analisi di sicurezza preliminare di una sperimentazione randomizzata di fase 2.
  • Pazienti con tumore della cervice localmente avanzato sono state assegnate casualmente a ricevere pembrolizumab in sequenza o in concomitanza con la chemioradioterapia.
  • Finanziamento: MSD.

Risultati principali

  • Al cutoff dei dati, 52 delle 88 pazienti previste avevano completato il trattamento e sono state valutabile per la tossicità.
  • Il follow-up mediano era di 4,8 mesi.
  • L’88% delle pazienti ha riportato tossicità correlate al trattamento di grado ≥2.
  • 11 pazienti hanno sviluppato ≥1 tossicità di grado 4 e 23 pazienti ≥1 tossicità di grado 3.
  • È stata riportata diarrea di grado ≥1 dal 68% delle pazienti nel gruppo trattato in concomitanza e dal 63% di quelle trattate in sequenza. 
  • Complessivamente, l’83% delle pazienti ha completato tutto il trattamento con pembrolizumab.
  • L’82% delle pazienti trattate in concomitanza e il 100% di quelle nel gruppo trattato in sequenza hanno completato il regime chemioterapico.

Limiti 

  • Studio in aperto.