Tumore della cervice localmente avanzato: solo il 30% delle pazienti riceve lo standard di cura

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Riceve lo standard di cura circa il 30% delle pazienti affette da tumore della cervice localmente avanzato.
  • Il boost di brachiterapia è associato a una sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) migliore rispetto alla sola radioterapia esterna (external beam radiation therapy, EBRT), a prescindere dalla durata del trattamento.

Perché è importante

  • È necessario risolvere le difficoltà legate all’offerta dello standard di cura.

Disegno dello studio

  • Studio di 10.172 pazienti affette da tumore della cervice in stadio II–IVA trattate con chemioradioterapia definitiva.
  • Finanziamento: National Institutes of Health (NIH).

Risultati principali

  • Il 59,4% delle pazienti ha ricevuto brachiterapia.
  • Il 29,3% delle pazienti ha completato il trattamento entro 8 settimane (standard di cura).
  • La OS mediana è risultata significativamente maggiore nelle pazienti che hanno ricevuto brachiterapia rispetto a quelle che non l’hanno ricevuta (114,9 vs. 63,8 mesi; P<0,0001).
  • Il completamento del trattamento entro 8 settimane è risultato associato a una OS significativamente migliore (112,9 vs. 79,3 mesi; P<0,0001).
  • L’OS è risultata peggiore nelle pazienti che hanno ricevuto brachiterapia, ma con trattamento di durata prolungata (HR=1,22; P<0,0001) rispetto alle pazienti che hanno ricevuto lo standard di cura.
  • L’OS è risultata significativamente peggiore nelle pazienti che non hanno ricevuto brachiterapia rispetto allo standard di cura, a prescindere dalla durata del trattamento (HR per ≤8 settimane, 1,38 e per >8 settimane, 1,60; entrambi P<0,0001).

Limiti

  • Studio retrospettivo.