Tumore della cervice: la chemioradioterapia con doppietta è migliore della monoterapia secondo una metanalisi

  • Ma S & al.
  • Gynecol Oncol
  • 18/04/2019

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Una metanalisi suggerisce che il trattamento con doppietta a base di platino più radioterapia (RT) prolunga significativamente la sopravvivenza delle pazienti affette da tumore della cervice localmente avanzato rispetto alla RT più chemioterapia con singolo agente.
  • Il gruppo in terapia con doppietta a base di platino risulta associato a un rischio maggiore di tossicità.

Perché è importante

  • La chemioradioterapia concomitante è ancora il trattamento di prima linea per il tumore della cervice localmente avanzato, ma non esiste un regime chemioterapico standard.
  • Si deve valutare la terapia con doppietta a base di platino nelle pazienti in grado di tollerarla.

Disegno dello studio

  • Metanalisi di 7 sperimentazioni randomizzate e controllate che hanno incluso 1.503 pazienti con tumore della cervice localmente avanzato sottoposte a radioterapia (RT) e concomitante doppietta a base di platino o cisplatino in monoterapia.
  • Esiti: sopravvivenza complessiva (overall survival, OS), sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) e sicurezza.
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • Il trattamento concomitante con RT più chemioterapia con doppietta a base di platino ha determinato un miglioramento significativo di OS e PFS rispetto alla RT con cisplatino in monoterapia:
    • OS per 7 studi, HR=0,75 (P=0,01);
    • PFS per 7 studi, HR=0,78 (P=0,01).
  • Il gruppo trattato con RT + chemioterapia con doppietta ha evidenziato un rischio maggiore di:
    • vomito (rapporto correlato [related ratio, RR]: 3,19; P
    • trombocitopenia (RR: 2,75; P=0,004) e
    • tossicità a carico dell’apparato urinario (RR: 4,58; P=0,05).

Limiti

  • Sono state incluse solo 2 sperimentazioni di fase 3.