Tumore della cervice: l’approccio minimamente invasivo è legato a un tasso maggiore di recidiva

  • Uppal S & al.
  • J Clin Oncol
  • 07/02/2020

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Le pazienti con tumore della cervice allo stadio iniziale sottoposte a isterectomia radicale minimamente invasiva evidenziano una sopravvivenza libera da recidiva peggiore rispetto a quelle sottoposte a chirurgia a cielo aperto.
  • Non si osserva tuttavia alcuna differenza nella sopravvivenza complessiva (overall survival, OS).
  • La conizzazione preoperatoria è associata a un rischio inferiore di recidiva con entrambi gli approcci chirurgici.

Perché è importante

  • I dati confermano i risultati dello studio Approccio laparoscopico al tumore della cervice (Laparoscopic Approach to Cervical Cancer, LACC), che hanno evidenziato l’inferiorità degli esiti oncologici del trattamento chirurgico minimamente invasivo rispetto alla chirurgia a cielo aperto.

Disegno dello studio

  • Studio multicentrico retrospettivo di 815 pazienti con adenocarcinoma squamoso o carcinoma adenosquamoso della cervice in stadio IA1 (con invasione linfovascolare), IA2 e IB1 sottoposte a isterectomia radicale tra il 2010 e il 2017.
  • Finanziamento: nessuno rivelato

Risultati principali

  • È stato adottato un approccio chirurgico a cielo aperto nel 29,1% delle pazienti e chirurgia minimamente invasiva nel 70,9%.
  • La chirurgia minimamente invasiva era associata in modo indipendente a un maggior rischio di recidiva (aHR=1,88; IC 95%, 1,04–3,25).
  • Analisi mediante appaiamento in base all’indice di propensione:
    • il tasso di recidiva era significativamente maggiore nel gruppo sottoposto a chirurgia minimamente invasiva (4,4% vs. 11,5% [P=0,019]; HR=2,83 [IC 95%, 1,10–7,18]);
  • la conizzazione prima dell’intervento chirurgico era associata complessivamente a un rischio inferiore di recidiva (aHR=0,4; IC 95%, 0,23–0,71);
  • la OS era simile tra gruppi (aHR=1,01; IC 95%, 0,50–2,2).
  • È stato osservato un tasso di recidiva simile con entrambi gli approcci in pazienti con tumori di dimensioni ≤2 cm (P=0,058) e >2 cm (P=0,375).

Limiti

  • Disegno retrospettivo.