Tumore della cervice in stadio avanzato: vantaggio a lungo termine in termini di sopravvivenza della chemioradioterapia rispetto alla radioterapia

  • Fachini AMD & et al.
  • Gynecol Oncol

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nelle pazienti con tumore della cervice in stadio IIIB, la chemioradioterapia (CRT) evidenzia un vantaggio significativo in termini di sopravvivenza rispetto alla sola radioterapia (RT).
  • Un basso stato di validità e bassi livelli di emoglobina al basale sono predittori indipendenti di una sopravvivenza peggiore.

Perché è importante

  • Lo studio conferma il vantaggio a lungo termine in termini di sopravvivenza della chemioradioterapia per queste pazienti.

Disegno dello studio

  • 146 pazienti con tumore della cervice squamoso in stadio IIIB (FIGO 2009) trattate solo con CRT o RT e seguite per un massimo di 14 anni.
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • Il follow-up mediano è stato di 57,60 mesi.
  • Rispetto alle pazienti che hanno ricevuto CRT, quelle sottoposte solo a RT presentavano significativamente peggiore:
    • sopravvivenza complessiva (overall survival, OS), HR=1,88 (IC 95%, 1,09-3,24); 
    • sopravvivenza libera da malattia (disease-free survival, DFS), HR=1,82 (IC 95%, 1,07-3,08).
  • Stato di validità di Karnofsky (Karnofsky performance status, KPS) <90% ed emoglobina <10 mg/dl al basale, rispettivamente, hanno evidenziato un’associazione significativa (HR; IC al 95%) con peggiore:
    • OS, 3,11 (1,78-5,43) e 4,32 (2,23-8,36);
    • DFS, 2,83 (1,60-5,01) e 4,16 (2,17-7,95).

Limiti

  • Ridotto numero di pazienti.