Tumore della cervice in stadio avanzato: sintilimab più anlotinib ottengono una buona risposta

  • Xu Q & al.
  • J Clin Oncol

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Sintilimab + anlotinib sono ben tollerati ed evidenziano una buona risposta nelle pazienti affette da tumore della cervice (cervical cancer, CA) in stadio avanzato che in precedenza non hanno risposto alla chemioterapia.

Perché è importante

  • Dati sulla combinazione immunoterapia e terapia antiangiogenica in pazienti affette da CA in stadio avanzato positivo per il ligando 1 della proteina di morte cellulare programmata (programmed cell death-ligand 1, PD-L1).

Disegno dello studio

  • Studio di fase 2 di 42 pazienti affette da CA recidivante o metastatico PD-L1-positivo (punteggio positivo combinato ≥1) che hanno subito progressione dopo la chemioterapia o non hanno tollerato la chemioterapia, trattate con sintilimab + anlotinib.
  • Finanziamento: The Innovation of Science and Technology Program della Provincia di Fujian, Cina.

Risultati principali

  • Il tasso di risposta obiettiva (objective response rate, ORR) è stato del 54,8% nella popolazione “intent-to-treat”.
  • In 39 pazienti valutabili per l’efficacia l’ORR è risultato del 59,0%.
  • La sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) mediana è risultata di 9,4 mesi (IC 95%, 8,0–14,6 mesi); la sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) mediana non è stata raggiunta (IC 95%, 12,3 mesi–non raggiunta).
  • Il tasso di eventi avversi correlati al trattamento (treatment-related adverse event, TRAE) è stato dell’85,8%.
    • I TRAE più comuni sono stati ipotiroidismo (33,3%), livelli innalzati di aspartato aminotransferasi (21,4%) e ipertensione (19,0%).
  • Le pazienti con alterazioni di PIK3CA (91,7% vs. 46,2%; P=0,012), della via di segnalazione di PI3K-AKT (82,4% vs. 42,9%; P=0,020) o di KMT2D (100% vs. 51,6%; P=0,029) hanno evidenziato un ORR maggiore.
  • Le pazienti con alterazioni di STK11 e/o JAK2 hanno ottenuto una PFS significativamente inferiore:
    • STK11, HR=0,09 (P=0,016);
    • JAK2, HR=0,12 (P=0,005);
    • STK11 o JAK2, HR=0,08 (P<0,001).

Limiti

  • Mancanza di comparatore.