Tumore della cervice: camrelizumab più apatinib ottengono una risposta promettente

  • Lan C & al.
  • J Clin Oncol
  • 14/10/2020

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Camrelizumab più apatinib dimostrano una buona risposta e tossicità gestibili in pazienti con tumore della cervice in stadio avanzato trattate precedentemente.

Perché è importante

  • L’attività di camrelizumab più apatinib è risultata superiore a quella riportata per gli anticorpi anti-proteina di morte cellulare programmata 1/ligando 1 della proteina di morte cellulare programmata (programmed death-ligand 1, PD-L1) o gli inibitori del pathway del fattore di crescita dell’endotelio vascolare in monoterapia.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione multicentrica di fase 2 CLAP.
  • 45 pazienti con tumore della cervice in stadio avanzato (età mediana: 51,0 anni), che avevano subito progressione dopo ≥1 linea di terapia sistemica, hanno ricevuto camrelizumab più apatinib.
  • Finanziamento: progetto della National Natural Science Foundation cinese.

Risultati principali

  • Il follow-up mediano era di 11,3 mesi.
  • Il tasso di risposta obiettiva (objective response rate, ORR) era del 55,6% (risposte complete, 4,4%; risposte parziali, 51,1%).
  • La sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) mediana era di 8,8 mesi (IC 95%, da 5,6 mesi a non stimabile).
  • La durata mediana della risposta e la sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) mediana non sono state raggiunte.
  • Il tasso di eventi avversi correlati al trattamento di grado 3/4 era del 71,1%; quelli più comuni erano ipertensione (24,4%), anemia (20,0%) e affaticamento (15,6%).
  • Il 33,3% delle pazienti ha sviluppato potenziali tossicità immuno-correlate; la più comune era ipotiroidismo (22,2%).
  • Non è stata osservata alcuna differenza nell’ORR tra pazienti con tumori PD-L1-positivi e tumori PD-L1-negativi (69,0% vs. 50,0%; P=0,281).
Limiti
  • Studio in aperto, a gruppo singolo.