Tumore dell’ipofaringe: un alto NLR è predittivo di scarsi esiti della CRT in uno studio taiwanese

  • Kuo C & al.
  • Sci Rep
  • 07/02/2019

  • Brian Richardson, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Uno studio retrospettivo suggerisce che il rapporto neutrofili/linfociti (neutrophil-to-lymphocyte ratio, NLR) è associato alla risposta al trattamento e alla sopravvivenza dei pazienti con tumore dell’ipofaringe (hypopharyngeal cancer, HPC) trattati con chemioradioterapia (CRT) definitiva.

Perché è importante

  • Predire la risposta al trattamento e gli esiti può aiutare a guidare la gestione dei pazienti.

Risultati principali

  • Un NLR ≥4 era associato ad anemia da moderata a grave (P=0,02), classificazione T avanzata (P=0,01) e stadio avanzato (P=0,02).
  • Il 52,5% dei pazienti ha ottenuto risposta completa.
  • La sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) mediana era di 22,5 mesi e la sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) mediana era di 31,3 mesi.
  • Un NLR ≥4 era associato a una scarsa risposta al trattamento (HR: 2,42; P=0,03).
  • Un NLR ≥4 era associato a PFS (HR: 1,71; P=0,046) e OS (HR: 1,99; P=0,01) inferiori nell’analisi multivariata.

Disegno dello studio

  • In 120 pazienti con HPC non metastatico trattati con CRT definitiva sono stati analizzati l’NLR e le associazioni con risposta e sopravvivenza.
  • Finanziamento: National Cheng Kung University Hospital.

Limiti

  • Studio retrospettivo presso un singolo centro.