Tumore dell’esofago cervicale: la chemioradioterapia come alternativa al trattamento chirurgico

  • Chen YH & al.
  • Cancers (Basel)
  • 30/03/2019

  • Emily Willingham, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La chemioradioterapia con intento curativo (curative CRT, CCRT) sembra “ragionevole” nel carcinoma a cellule squamose dell’esofago (esophageal squamous cell carcinoma, ESCC) cervicale localmente avanzato, con la chirurgia di salvataggio da valutare per la malattia residua.

Perché è importante

  • Il “gold standard” per l’ESCC cervicale era l’esofagectomia radicale, associata a ovvie potenziali complicanze, comorbilità ed effetti avversi sulla qualità della vita.
  • La CCRT sembra offrire un beneficio in termini di sopravvivenza simile a quello della chirurgia radicale.

Risultati principali

  • La risposta alla CCRT è risultata simile nei gruppi appaiati di pazienti con ESCC cervicale e toracico.
  • Il gruppo con tumori cervicali ha tuttavia ottenuto una sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) migliore: 21,4 vs. 10,1 mesi (P=0,012).
  • In entrambi i gruppi, i pazienti che hanno ottenuto una risposta completa (complete response, CR) hanno evidenziato una OS migliore.
  • Il gruppo con tumori cervicali ha evidenziato un tasso maggiore di CR: 33% vs. 16% (P=0,038).
  • I pazienti nel gruppo con tumori cervicali che hanno ottenuto CR hanno evidenziato una OS migliore rispetto a quelli che non hanno raggiunto la CR: 42,9 vs. 11,6 mesi (P
  • Il numero di pazienti operati nel gruppo con tumori cervicali senza CR (n=3) era piccolo; non sono emerse differenze in termini di OS rispetto al gruppo che ha ottenuto CR.

Disegno dello studio

  • Sessantatré pazienti con ESCC cervicale appaiati in base all’indice di propensione per le caratteristiche del tumore e l’età a 63 pazienti, su 348, con ESCC toracico.
  • Dose mediana di 66 Gy (intervallo: 66–70 Gy) per i tumori cervicali, 50,4 Gy (intervallo: 50–50,4 Gy) per quelli toracici.
  • È stata confrontata l’OS.
  • Finanziamento: National Science Council of Taiwan; Chang Gung Memorial Hospital.

Limiti

  • Disegno retrospettivo, singolo centro, piccolo numero di pazienti.