Tumore dell’endometrio: l’uso di statine è legato a un rischio inferiore di TEV

  • Matsuo K & al.
  • Gynecol Oncol
  • 04/01/2019

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • L’uso di statine è associato a una riduzione del rischio di tromboembolismo venoso (TEV) nelle donne con tumore dell’endometrio.
  • L’uso di aspirina o statina+aspirina non riduce il rischio di TEV.

Perché è importante

  • I tumori ginecologici sono associati a un aumento del rischio di tromboembolismo venoso.
  • Se i risultati sono confermati in studi prospettici, le statine potrebbero ridurre il rischio di TEV nelle donne obese e in quelle con tumori aggressivi.

Disegno dello studio

  • Studio multicentrico di 2.527 donne con tumore dell’endometrio primario durante il periodo 2000–2015.
  • Il 15,5% delle pazienti ha ricevuto statine e l’8,7% aspirina.
  • Finanziamento: Ensign Endowment for Gynecologic Cancer Research.

Risultati principali

  • La durata mediana del follow-up era di 43,0 mesi.
  • Diagnosi di TEV in 132 donne; il tasso di incidenza cumulativa a 5 anni era del 6,1%.
  • Gli eventi avversi più comuni erano trombosi venosa profonda (TVP; 59,8%), seguita da TVP+embolia polmonare (EP; 23,5%) ed EP (16,7%).
  • L’uso di statine era associato a un rischio inferiore del 58% di TEV rispetto al mancato uso (2,5% vs. 6,7%; aHR: 0,42; P=0,030).
  • L’impatto dell’aspirina sul rischio di TEV non era statisticamente significativo (P=0,24).
  • Non è stato osservato alcun effetto significativo dell’uso congiunto di statine e aspirina (Pinterazione=0,090).
  • I fattori prognostici del beneficio di riduzione del rischio di TEV includevano obesità, assenza di diabete mellito, istologia di tipo II e malattia recidivante (tutti Pinterazione

Limiti

  • Disegno retrospettivo.