Tumore dell’endometrio: i regimi adiuvanti tassano-platino sono efficaci in uno studio giapponese

  • Nomura H & al.
  • JAMA Oncol
  • 21/03/2019

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nelle pazienti con tumore dell’endometrio in stadio avanzato ad alto rischio la terapia adiuvante con docetaxel+cisplatino e paclitaxel+carboplatino evidenzia una sopravvivenza simile rispetto alla terapia standard con doxorubicina+cisplatino.
  • I 3 regimi presentano profili di tossicità diversi. 
    • Le tossicità ematologiche sono meno frequenti con il trattamento a base di tassani.
    • Le tossicità gastrointestinali sono più comuni con il regime a base di cisplatino e la neurotossicità con paclitaxel+carboplatino.

Perché è importante

  • In base al profilo di tossicità, il medico può scegliere un trattamento personalizzato.
  • I regimi tassano-platino hanno precedentemente evidenziato efficacia nella malattia in stadio avanzato o recidivante, ma l’uso adiuvante postoperatorio non è stato valutato.

Disegno dello studio

  • Studio di fase 3, multicentrico, randomizzato del Gynecologic Oncology Group giapponese di 788 pazienti con tumore dell’endometrio in stadio avanzato ad alto rischio allo stadio iniziale o sottoposto a citoriduzione ottimale.
  • Le pazienti sono state assegnate casualmente a doxorubicina+cisplatino, docetaxel+cisplatino o paclitaxel+carboplatino.
  • Finanziamento: Health Labor Sciences Research Grant.

Risultati principali

  • La durata mediana del follow-up era di 7 anni. 
  • Non è stata osservata alcuna differenza statistica tra doxorubicina+cisplatino, docetaxel+cisplaitno, paclitaxel+carboplatino in termini di:
    • tasso di sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) a 5 anni, rispettivamente del 73,3%, 79,0% e 73,9% (P bilaterale=0,12);
    • tasso di sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) a 5 anni, rispettivamente dell’82,7%, 88,1% e 86,1% (P bilaterale=0,67).
  • Leucopenia, neutropenia, neutropenia febbrile e anemia erano meno frequenti con il regime a base di tassano.
  • Le tossicità gastrointestinali erano più comuni con il regime contenente cisplatino.
  • L’incidenza di neurotossicità era maggiore con paclitaxel+carboplatino.
  • Le interruzioni correlate a eventi avversi erano più frequenti con paclitaxel+carboplatino (12,2%) rispetto a doxorubicina+cisplatino (6,5%) e docetaxel+cisplatino (5,7%).

Limiti

  • Studio in aperto.