Tumore del retto con linfonodi positivi: l’attesa vigile è accettabile dopo risposta completa alla nCRT

  • Habr-Gama A & al.
  • Dis Colon Rectum
  • 11/03/2019

  • Jim Kling
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nei pazienti con tumore del retto non metastatico che ottengono una risposta clinica completa (complete clinical response, cCR) alla chemioradioterapia neoadiuvante (nCRT) la sopravvivenza libera da trattamento chirurgico e la sopravvivenza libera da metastasi a distanza (distant metastasis-free survival, DMFS) a 5 anni risultano simili nei pazienti con linfonodi positivi e in quelli con linfonodi negativi.

Perché è importante

  • Si teme che i pazienti con linfonodi positivi possano essere a maggior rischio di ricrescita locale, malattia in stadio più avanzato al momento della recidiva e DMFS peggiore.

Disegno dello studio

  • Analisi retrospettiva di 335 pazienti sottoposti a nCRT.
  • Follow-up mediano di 55 mesi.
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • Nessun fattore pre-trattamento era associato al rischio di recidiva locale dopo l’ottenimento di cCR.
  • Centodiciassette pazienti avevano linfonodi positivi e 218 avevano linfonodi negativi al basale.
  • Sessantadue pazienti con linfonodi positivi (53,0%) e 135 pazienti con linfonodi negativi (61,9%) hanno ottenuto cCR e sono stati gestiti in modo non chirurgico.
  • Nei pazienti con linfonodi positivi rispetto a quelli con linfonodi negativi:
    • sopravvivenza tumore-specifica a 5 anni dell’83,9% vs. 84,5%; P=0,99;
    • DMFS del 77,5% vs. 80,5%; P=0,49;
    • sopravvivenza libera da trattamento chirurgico del 39,7% vs. 46,8%; P=0,20.
  • Limitando l’analisi ai pazienti che hanno ottenuto cCR e che sono stati gestiti mediante attesa vigile, le differenze rimanevano comunque non significative per:
    • sopravvivenza tumore-specifica complessiva a 5 anni (90,3% vs. 90,9%; P=0,86);
    • sopravvivenza libera da metastasi a distanza (88,2% vs. 88,6%; P=0,92);
    • sopravvivenza libera da trattamento chirurgico (76% vs. 75,8%; P=0,88).

Limiti

  • Analisi retrospettiva.
  • Campione di piccole dimensioni.
  • Singolo istituto.