Tumore del pancreas: la sopravvivenza non è influenzata dai tempo di attesa del trattamento chirurgico

  • Eur J Surg Oncol

  • Miriam Davis, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Uno studio a livello nazionale danese indica che il tempo di attesa non influenza la sopravvivenza dei pazienti sottoposti a trattamento chirurgico del tumore del pancreas.

Perché è importante

  • Lo studio confuta l’attivismo politico volto a ridurre i tempi di attesa in questa popolazione.

Disegno dello studio

  • Uno studio di coorte, di popolazione, a livello nazionale, retrospettivo (n=873) di tutti i pazienti sottoposti a trattamento chirurgico del tumore del pancreas (resezione o intervento palliativo) nel database danese dei tumori del pancreas (periodo 2011–2016).
  • Il tempo di attesa era definito in 2 modi: (1) tempo dall’ingresso nell’iter oncologico nazionale (National Cancer Pathway), un database a livello nazionale, alla data dell’intervento chirurgico e (2) tempo dalla data dell’ultimo esame di TC o di tomografia a emissione di positroni-TC (PET-TC) preoperatorio alla data dell’intervento chirurgico.
  • I tempi di attesa sono stati raggruppati in 1 di 3 gruppi:
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • L’80% dei pazienti è stato sottoposto a resezione e il 20% a laparotomia esplorativa o chirurgia palliativa.
  • Il gruppo del National Cancer Pathway aveva un tempo di attesa mediano di 31 giorni e il gruppo sottoposto a PET-TC aveva un tempo di attesa di 32 giorni.
  • Nessuna differenza nei tassi di resezione (circa 80%) e nella sopravvivenza mediana (circa 22 mesi) tra i 3 gruppi del tempo di attesa, a prescindere dalla definizione di tempo di attesa.

Limiti

  • Disegno retrospettivo osservazionale.
  • Nell’11% della coorte il trattamento chirurgico è stato annullato.