Tumore colorettale: ogni sede anatomica ha i propri fattori di rischio


  • Cristina Ferrario — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • I fattori di rischio per il tumore colorettale sono diversi a seconda della sede anatomica di origine della neoplasia.
  • Queste differenze si verificano anche all’interno delle due grandi categorie prossimale e distale in genere utilizzate per classificare i tumori del colon.
  • La distinzione tra colon prossimale, colon distale e retto non sembra essere sufficientemente precisa per classificare tutti i tumori colorettali.

Descrizione dello studio

  • Nello studio sono stati raccolti dati da 3 coorti statunitensi (Nurses’ Health Study, Nurses’ Health Study 2 e Health Professionals Follow-up Study).
  • Sono stati coinvolti 45.351 uomini e 178.016 donne, seguiti per un periodo mediano di 23 anni).
  • Sono stati valutati 24 fattori di rischio in relazione al rischio di tumore in 7 diverse sedi anatomiche del colon-retto (cieco, colon ascendente, colon trasverso, colon discendente, colon sigmoideo, giunzione retto-sigmoidea e retto).
  • I rischi (hazard ratios, HR) sono stati stimati mediante regressione a rischi proporzionali di Cox.
  • Fonte di finanziamento: tra gli altri American Cancer Society Mentored Research Scholar Grant; National Institutes of Health (NIH) e American Institute for Cancer Research.

Risultati principali

  • Nella popolazione dello studio sono stati identificati 3.058 casi di tumore del colon-retto nei 7 diversi distretti anatomici analizzati.
  • Andando dal cieco al retto, le associazioni positive con il rischio oncologico sono diminuite per quanto riguarda età e storia familiare di neoplasia.
  • Sono state osservate associazioni inverse con il rischio di cancro per screening endoscopico e assunzione di cerali integrali e fibre da cereali.
  • Tali associazioni sono risultate più forti a livello del retto per poi affievolirsi proseguendo verso il cieco.   
  • È stata osservata una tendenza non lineare nell’associazione tra tumore colorettale e sesso femminile con punte di 1,73 per il tumore del colon ascendente e di 0,54 per quello del colon sigmoideo.
  • Alcol e fumo prima dei 30 anni sono risultati associati a un aumento del rischio di tumore del colon prossimale con forza crescente dell’associazione dal cieco al colon trasverso.
  • La circonferenza vita è risultata invece associata ai tumori del colon distale negli uomini, in misura maggiore per il tumore del colon discendente rispetto a quello del colon sigmoide.

Limiti dello studio

  • I risultati potrebbero non essere generalizzabili ad altre popolazioni.
  • I dati relativi a stile di vita e alimentazione sono stati riferiti dai partecipanti.
  • Per alcune sedi anatomiche erano presenti solo pochi casi.

Perché è importante

  • Il tumore del colon-retto è una patologia eterogenea dal punto di vista clinico ed eziologico.
  • In genere si distinguono tumore del colon distale, del colon prossimale e del retto, ma numerosi dati suggeriscono che ci possano essere differenze anche all’interno delle singole categorie oggi identificate.
  • Conoscere queste differenze nelle caratteristiche cliniche e nei fattori di rischio permetterebbe di identificare strategie di prevenzione e trattamento più precise ed efficaci a seconda della sede anatomica di origine del tumore.