Trattamento di prima linea dell’LLC: obinutuzumab + chemioterapia sono gestibili ed efficaci nei pazienti in buone condizioni

  • Bosch F & al.
  • Leukemia
  • 27/08/2019

  • David Reilly
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nei pazienti relativamente giovani e in buone condizioni affetti da leucemia linfatica cronica (LLC) precedentemente non trattata, la terapia di prima linea con obinutuzumab + fludarabina + ciclofosfamide (G-FC) non evidenzia nuovi segnali di sicurezza e offre un controllo sostenuto della malattia, con tassi elevati di risposta e negatività per malattia residua minima (minimal residual disease, MRD).

Perché è importante

  • Obinutuzumab + clorambucile (G-Clb) hanno già evidenziato un miglioramento significativo della sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) e della sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) rispetto a rituximab + Clb (R-Clb) nei pazienti con LLC e comorbilità.

Disegno dello studio

  • Analisi di sottogruppo dello studio di fase 3b GREEN per esaminare G-FC in 140 pazienti in buone condizioni di salute affetti da LLC precedentemente non trattata.
  • Età mediana dei pazienti di 57 anni (intervallo: 34–74 anni).
  • Stadio Binet allo screening: stadio A, 26,4%; stadio B, 52,9%; stadio C, 20,7%.
  • Finanziamento: F. Hoffmann-La Roche Ltd.

Risultati principali

  • L’87,1% dei pazienti ha sviluppato eventi avversi (adverse event, AE) di grado ≥3; quello più comune era neutropenia (67,1%).
  • Il 42,1% dei pazienti ha sviluppato AE gravi; il più comune era neutropenia (15,7%).
  • Tasso di risposta complessiva del 90,0% (IC 95%: 83,8%–94,4%) alla valutazione finale; il 46,4% dei pazienti ha ottenuto una risposta completa.
  • Negatività per MRD:
    • nel sangue periferico, 64,3%;
    • nel midollo osseo, 35,7%.
  • PFS stimata a 2 anni del 91% (IC 95%: 84%–96%).

Limiti

  • Analisi di sottogruppo.