Trattamento chirurgico rispetto a radioterapia per tumore prostatico di alto grado con basso PSA

  • Guo Y & al.
  • Front Oncol
  • 01/01/2019

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nei pazienti con tumore prostatico di alto grado e bassi livelli di PSA, la prostatectomia radicale (radical prostatectomy, RP) migliora la sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) rispetto alla radioterapia esterna (external beam radiotherapy, EBRT) ± brachiterapia (BT).
  • La mortalità tumore-specifica (cancer-specific mortality, CSM) dopo RP era simile a quella osservata con EBRT + BT, ma significativamente inferiore rispetto a quella riportata con l’EBRT.

Perché è importante

  • Per questi pazienti non esiste alcun trattamento standard.
  • EBRT + BT possono rappresentare un’opzione alternativa per i pazienti di età >70 anni o con PSA ≤2,5 ng/ml.

Disegno dello studio

  • 9.114 pazienti affetti da tumore prostatico con PSA ≤10 ng/ml e punteggio di Gleason 8–10 sono stati sottoposti a RP (n=4175), EBRT (n=4114) o EBRT + BT (n=825).
  • Finanziamento: National Natural Science Foundation of China.

Risultati principali

  • La durata mediana del follow-up era di 47 mesi.
  • Rispetto alla RP:
    • l’OS era peggiore con EBRT (aHR=3,36; P
    • il rischio di CSM era maggiore con EBRT (aHR=2,46; P=0,001);
    • il rischio di CSM non differiva significativamente con EBRT + BT (aHR=1,31; P=0,485).
  • OS e CSM erano simili con RP ed EBRT + BT:
    • nei pazienti di età >70 anni, rispettivamente aHR=1,84 (P=0,071) e 1,63 (P=0,266) o
    • nei pazienti con livelli di PSA ≤2,5 ng/ml, rispettivamente aHR=0,58 (P=0,556) e 1,27 (P=0,774).
  • L’EBRT era associata a una OS peggiore nei pazienti di età >70 anni (aHR=3,07; P

Limiti

  • Studio retrospettivo.