Trapianti, a Catania primo centro in Italia impianto utero


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Palermo, 13 giu. (AdnKronos Salute) - "Oggi è una giornata di festa per la Sicilia che vede riconosciuto un centro regionale per il trapianto dell'utero. Si tratta del primo e unico centro autorizzato in tutta Italia". Lo ha annunciato l'assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, nel corso di una conferenza stampa in assessorato a Palermo. Il centro avrà sede a Catania, tra l'ospedale Canizzaro e il Policlinico, e il primo trapianto, ha detto il direttore dell'Unita operativa di Ostetricia e Ginecologia del Cannizzaro di Catania Paolo Scollo "dovrebbe essere effettuato entro l'anno".

Il progetto, ha spiegato il direttore dell'Unità operativa complessa del Centro trapianti di Catania Pierfrancesco Veroux, "è partito circa due anni fa, con tempi assolutamente fisiologici per la sua complessità, con la stipula di una convenzione tra l'ospedale Cannizzaro e il Policlinico di Catania". Già pronta una lista di attesa di cui fanno parte sei donne - una catanese e le altre provenienti dal resto d'Italia - che al più presto verrà trasmessa al Centro regionale trapianti, atto che darà il via ufficiale al programma.

"Un'altra struttura analoga in Europa esiste solo in Svezia - ha aggiunto Scollo - dove sono stati effettuati 13 trapianti con tre gravidanze a termine". Il programma riguarda donne di età compresa tra i 18 e i 40 anni affette dalla sindrome di Rokitansky (assenza di utero) o alle quali è stato tolto l'utero per complicazioni durante il parto. "E' la prima autorizzazione nazionale per il trapianto d'utero - ha sottolineato Alessandro Nanni Costa, direttore del Centro nazionale trapianti - La Sicilia ha presentato un programma consistente, supportato da professionisti seri e credibili e con una logistica adeguata, che è stato approvato dal Consiglio superiore della Sanità".