Toscana, ok a mozione per inserire fibromialgia nei Lea

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Firenze, 9 mar. (Adnkronos Salute)() - La fibromialgia è una malattia, spesso non diagnosticata che, secondo le stime, colpisce circa 2 milioni di italiani e che comporta diffusi dolori muscolo-scheletrici e rigidità muscolare. Di questa patologia, che è la seconda tra quelle reumatiche dopo l’osteoartrosi e colpisce maggiormente la popolazione femminile, si è occupata l’Aula del Consiglio regionale approvando all’unanimità la mozione presentata dal Movimento 5 Stelle e illustrata dalla consigliera Silvia Noferi.

L’atto impegna la Giunta, e il suo presidente, ad attivarsi presso il Governo affinché si proceda, in tempi celeri, all'inserimento della sindrome fibromialgica e delle relative prestazioni di specialistica ambulatoriale appropriate per il monitoraggio della malattia, da concedere in regime di esenzione, nei Lea (Livelli Essenziali di Assistenza).

Positivo il giudizio sulla mozione della consigliera regionale Donatella Spadi (Pd) che ha annunciato in Aula il voto positivo del suo gruppo: “Il Pd accoglie questa mozione, che già precedentemente abbiamo trattato. Ssappiano che è una malattia che colpisce molte persone e spesso rimane misconosciuta. La Giunta ha anche già approvato misure che prevedono un’attività fisica particolare per le persone che ne sono colpite”.