Tempistica di utilizzo dei nuovi farmaci anti-epilettici: presto è meglio?


  • Notizie sui farmaci - VDA Net
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

SIF Societa' Italiana di Farmacologia

Tempistica di utilizzo dei nuovi farmaci anti-epilettici: presto è meglio?

A cura della Dott.ssa Sara Ferraro e del Dott. Marco Tuccori

L’epilessia è uno fra i più comuni disordini neurologici e si manifesta con convulsioni conseguenti ad un’attività cerebrale anomala ed eccessiva. L’obiettivo della terapia farmacologica, è quello di lasciare il paziente libero da convulsioni, minimizzando gli effetti avversi. Durante gli ultimi trent’anni, sono entrati in commercio nuovi farmaci vantaggiosi in termini di farmacocinetica, tollerabilità e interazioni farmacologiche. Tuttavia, nonostante la comprovata efficacia terapeutica dei farmaci antiepilettici, un terzo dei pazienti con epilessia rimane refrattario alla terapia, e circa la metà sviluppa almeno un evento avverso.

- Scarica il documento completo in formato PDF
- Riproduzione riservata e per uso personale