Teleconsulto pediatrico, convenzione Meyer Firenze-Ausl Nord Ovest


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Firenze, 25 set. (AdnKronos Salute) - Teleconsulto pediatrico: al via la convenzione tra l'ospedale pediatrico Meyer di Firenze e l'Ausl Toscana Nord Ovest. Il sistema entrerà in funzione a partire dall'ospedale di Portoferraio all'isola d'Elba, per arrivare a coinvolgere progressivamente gli altri 12 ospedali sul territorio aziendale. I professionisti delle due realtà sanitarie collaboreranno quotidianamente per migliorare l'assistenza dei piccoli pazienti. "Si tratta di un altro importante tassello che va ad aggiungersi alla Rete pediatrica regionale", sottolinea la Regione in una nota.

Da circa un anno - si ricorda - questo sistema è operativo tra il Meyer e alcuni degli ospedali che fanno parte dell'Ausl Toscana Centro. E la Rete pediatrica regionale si avvale già di un servizio di consulenza clinica ed ecocardiografica garantito dalla collaborazione tra Meyer e Fondazione Monasterio. Adesso questa modalità di consulenza si allarga. Le specialità coinvolte, nella fase iniziale, sono tre - Radiologia, Pronto soccorso e Trauma Center - ma l'obiettivo è estenderla a tutti i settori.

"La Regione Toscana ha puntato molto sul modello a rete in molti settori del nostro sistema sanitario - sottolinea l'assessore al Diritto alla salute, Stefania Saccardi - La Rete pediatrica regionale è nata per assicurare a tutti i bambini toscani, ovunque essi vivano, la stessa elevata qualità di cure. Questa è una sfida che coinvolge tanti professionisti toscani e l'ospedale pediatrico Meyer, a cui la legge regionale ha affidato il ruolo di governo operativo e coordinamento del network. In questo modo, l'alta professionalità degli specialisti del Meyer potrà dare risposte ai piccoli pazienti e alle loro famiglie, nel luogo più vicino alla loro abitazione. Si comincia dall'Isola d'Elba, poi il progetto si allargherà agli altri ospedali".