Tar Emilia Romagna, nuovo stop a medico no vax dopo 3 mesi da infezione

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 26 set. (Adnkronos Salute) - Passati 90 giorni dall’infezione da Covid-19 è corretto sospendere nuovamente il medico no vax se non si è ancora vaccinato. Questo in sintesi il pronunciamento dei giudici del Tar dell’Emilia Romagna che, in un'ordinanza, hanno confermato la scelta dell’Ordine dei medici (Omceo) di Bologna di limitare il periodo di inefficacia della sospensione a tre mesi. Una decisione avallata dal Tribunale amministrativo regionale che l'ha ritenuta "immune da vizi di legittimità", "stante l’oggettiva congruità e legittimità del termine (tre mesi dalla documentata infezione) di durata della cessazione temporanea di efficacia del precedente provvedimento di sospensione adottato" dall'Omceo "per accertato inadempimento del ricorrente dall’obbligo vaccinale”.