Subiaco, nuovo Pronto soccorso con elisuperficie

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 28 giu. (Adnkronos Salute) - Nuovo Pronto soccorso per l'ospedale di Subiaco, in provincia di Roma, con la realizzazione dell'elisuperficie. Il progetto è stato realizzato grazie a un finanziamento regionale complessivo di circa 500mila euro, che ha riguardato sia l'adeguamento del Dipartimento di Emergenza e la nuova elisuperficie che è stata intitolata alla memoria di Luciano Romanzi, sindaco di Licenza, vicepresidente Uncem Lazio e presidente della Comunità montana dell'Aniene.

"Nel Lazio - ha affermato l'assessore regionale Alessio D'Amato che ha inaugurato la nuova struttura - stiamo portando avanti un grande progetto di rinnovamento delle strutture sanitarie presenti sul territorio. In questo ultimo anno e mezzo l'emergenza Covid ci ha impegnati moltissimo, ma ci ha anche spinti a ripensare una nuova sanità, proiettata nel futuro. L'adeguamento del Pronto soccorso, con tecnologie all'avanguardia e la creazione di un'elisuperficie, vogliono soddisfare al meglio le esigenze dei cittadini, rendendo migliore la qualità delle cure e del lavoro. E' stato anche grazie a presidi ospedalieri come quello di Subiaco se oggi la situazione pandemica è migliorata, il Servizio sanitario regionale non ha smesso un momento di lavorare. Oggi siamo in un'importante fase della campagna vaccinale: abbiamo superato i 5 milioni di dosi somministrate, circa 2 milioni di cittadini hanno completato il ciclo vaccinale, ci avviciniamo rapidamente verso l'immunizzazione del 70% della popolazione regionale ed è grazie al lavoro indispensabile di tutte e tutti se stiamo procedendo spediti".

"E' in atto una importante azione di rinnovamento delle strutture ospedaliere aziendali, sia dal punto di vista strutturale che tecnologico - ha commentato il direttore generale della Asl Roma 5, Giorgio Giulio Santonocito - L'ospedale di Subiaco nel corso del tempo è stato oggetto di diverse progettualità, in atto e in procinto di essere avviate. Ha dato un importante contributo all'emergenza Covid. A supporto del nuovo Pronto soccorso ci sarà anche una nuova Tac 128 slice, la cui procedura di affidamento è in corso di ultimazione e che deriva da un finanziamento accordato dalla Regione Lazio. Ringrazio la Regione per il sostegno e i nostri tecnici e professionisti per il lavoro svolto e i risultati raggiunti".

Il progetto ha riguardato la razionalizzazione degli spazi esistenti, un adeguamento dei percorsi e un ammodernamento in termini tecnologici e impiantistici coerente con gli ingressi annui che sono quantificabili in circa 6mila l'anno. In particolare, il nuovo Pronto soccorso ora offre ai cittadini una nuova sala d'attesa e una zona osservazione pazienti, nuovi servizi igienici e 2 box dedicati alla visita. Inoltre, mediante l'ampliamento della camera calda e il dislocamento dell'ingresso, è stato possibile creare un novo un locale per piccoli interventi di primo soccorso, opportunamente dimensionato e rispondente a tutti i requisiti impiantistici previsti dalle normative di settore. Il Pronto soccorso di Subiaco è stato dotato anche di 2 posti letto Covid attrezzati per il monitoraggio di pazienti più critici.

"Con il finanziamento regionale è stato possibile anche realizzare l'elisuperficie, oggi pienamente funzionante, che è andata a compensare la richiesta emergenziale di questa particolare area montana, ad oggi supportata nell'Area Emergenza della Regione Lazio - ha sottolineato la Regione in una nota - Tutti i lavori sono stati predisposti in modo tale da non comportare in nessun momento il blocco del reparto. Per questo motivo si è scelto di procedere per fasi lavorative distinte, per permettere cioè una parziale delocalizzazione delle funzioni in relazione all'area occupata, permettendo di usufruire degli spazi a disposizione per il dislocamento dei macchinari e dei pazienti. Grazie a questa soluzione per 'fasi' sono rimaste operative le aree assoggettate a interventi di pronto soccorso e non sono state interrotte le operazioni di routine previste per tali ambienti".