Studio su efficacia esoscheletro robotico per aiuto pazienti post ictus

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 13 giu. (Adnkronos Salute) - Un esoscheletro indossabile motorizzato per aiutare i pazienti nel recupero post ictus. E' il progetto 'Escalate', coordinato dall'Irccs San Raffaele di Roma, che ha come obiettivo di misurare l’impatto di un esoscheletro sulla vita dei pazienti. L'iniziativa è un sottoprogetto Eurobench finanziato dall’Unione europea come Horizon 2020. Lo studio, portato avanti dal team multidisciplinare dell’istituto romano, in collaborazione con la Federazione Alice Italia, "vuole valutare prestazioni di attività motorie in comunità assistite da un esoscheletro indossabile motorizzato (Parker Indego) sia in soggetti sani sia in soggetti colpiti da ictus celebrale. Oltre che sull’esoscheletro, la ricerca - sottolinea il San Raffaele - si basa principalmente sull’utilizzo di diversi dispositivi come sensori inerziali indossabili, pedane di forza, stampelle strumentate e sensori di risposta galvanica della pelle, così come sullo sviluppo di metodi di analisi dei segnali in grado di estrarre indicatori di performance".

"Sappiamo bene dalla letteratura scientifica che circa il 70% dei sopravvissuti all'ictus celebrale soffre di una disabilità nelle attività di vita quotidiana, in particolare nel cammino in comunità, ovvero al di fuori dell’ambiente domestico - spiega Michela Goffredo, ricercatrice dell’Irccs San Raffaele - Per questo motivo il progetto 'Escalate' vuole quantitativamente misurare, mediante sensori per l’analisi del movimento, se e come un esoscheletro indossabile motorizzato possa supportare attivamente il cammino e più in generale l’attività motoria in scenari di vita quotidiana reale, come la salita e discesa delle rampe, il cammino su terreno irregolare, lo spostamento di carichi. È importante infine - aggiunge - valutare l’esperienza del paziente durante il cammino assistito da esoscheletro, mediante valutazioni psicologiche e l’analisi di dati elettrofisiologici".

Il progetto 'Escalate' valuterà come questa soluzione "robotica è in grado di soddisfare le esigenze del paziente, in termini di assistenza fornita, indicatori di prestazione, sicurezza e accettabilità. Questi dati aiuteranno i medici, le associazioni di pazienti e la società a comprendere la fattibilità dell'utilizzo di un esoscheletro indossabile motorizzato sia a casa e sia all’esterno nella società. I dati raccolti da Escalate andranno ad arricchire il database di Eurobench per la condivisione e il benchmark della conoscenza", conclude l'Irccs San Raffaele.