Studio STROMBOLI: le terapie mirate sono sicure ed efficaci per l’mCRC negli anziani

  • Gouverneur A & al.
  • Clin Colorectal Cancer
  • 29/11/2018

  • Jim Kling
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • I pazienti anziani con tumore del colon-retto metastatico (metastatic colorectal cancer, mCRC) trattati con bevacizumab o cetuximab ottengono una sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) e tassi di tossicità simili rispetto ai pazienti più giovani.

Perché è importante

  • Circa un terzo dei tumori del colon-retto viene diagnosticato in pazienti di età ≥75 anni, ma questo gruppo è rappresentato in modo insufficiente nelle sperimentazioni cliniche.

Disegno dello studio

  • Studio di coorte, osservazionale, francese STROMBOLI di 800 pazienti con mCRC; 126 avevano ≥75 anni.
  • Finanziamento: Unità di ricerca farmaco-epidemiologica, che riceve finanziamenti da varie case farmaceutiche.

Risultati principali

  • Complessivamente, il 51,4% e il 48,6% dei pazienti hanno ricevuto rispettivamente bevacizumab e cetuximab.
  • Il 73,5% dei pazienti ha ricevuto un regime chemioterapico a base di irinotecan combinato a terapia mirata.
  • Un numero maggiore di pazienti anziani è stato trattato solo con 5–fluorouracile combinato a terapia mirata (6,4% vs. 0,5%; P=0,0003).
  • Le riduzioni della dose erano meno comuni negli anziani (28,6% vs. 38,4%; P=0,01).
  • Non sono state osservate differenze significative tra i 2 gruppi in termini di sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS), OS mediana o frequenza degli eventi avversi di grado 3/4.

Limiti

  • Analisi retrospettiva.