Stato dell’arte sull’impiego della diagnostica per immagini per COVID-19

  • Antonello Viti De Angelis
  • Linee Guida
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

ISS Istituto Superiore di Sanita'

Stato dell’arte sull’impiego della diagnostica per immagini per COVID-19

Versione del 07 luglio 2020.

Evaristo Cisbani, Valentina Dini, Sveva Grande, Alessandra Palma, Antonella Rosi, Maria Antonella Tabocchini, Fulvio Gasparrini, Antonio Orlacchio - 2020, iii, 38 p. Rapporto ISS COVID-19 n. 55/2020

L’uso dell’imaging della Tomografia Computerizzata (TC) nella diagnosi ed evoluzione del COVID-19 si è posto fin dall’inizio della pandemia come uno strumento diagnostico complementare, a volte superiore alla tecnica di elezione ovvero alla RT-PCR, a causa dell’elevato numero di falsi negativi prodotti da quest’ultima. Questo rapporto, elaborato in collaborazione tra il Centro Nazionale delle Tecnologie Innovative per la Sanità Pubblica dell’Istituto Superiore di Sanità e la Società Italiana di Radiologia Medica (SIRM), vuole fare luce su quanto emerso in letteratura sull’uso della TC evidenziando le luci e le ombre di possibili usi non basati sulla Evidence Based Medicine.

- Scarica il documento completo in formato PDF
- Riproduzione riservata e per uso personale