Speranza, 'Ssn avrà bisogni crescenti ma con risorse servono riforme'

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 16 nov. (Adnkronos Salute) - "Una grande lezione del Covid è che bisogna investire di più, mettere più risorse sui nostri servizi sanitari nazionali, e noi questo abbiamo iniziato a farlo in Italia. La stagione del Covid ha cambiato l'ordine delle priorità e ci consegna una enorme responsabilità. Finalmente dopo tanti anni si capisce con coraggio, a livello europeo e mondiale, che le politiche per la salute sono davvero la prima cosa su cui mettere le risorse. Oggi abbiamo risorse che prima non c'erano e sono convinto che continueranno a crescere, perché è evidente che il fabbisogno del Ssn è crescente e dobbiamo insistere su questo trend che abbiamo preso in questi ultimi 24 mesi. Ma insieme alle risorse serviranno le riforme, che sono un pezzo fondamentale del disegno che dobbiamo mettere in campo. Le risorse sono una condizione necessaria, ma da sole non sono sufficienti. Insieme alle risorse servono le riforme". Lo ha ribadito il ministro della Salute, Roberto Speranza, nel suo intervento in video-collegamento al convegno 'L'Italia e l'Europa: il futuro dei sistemi sanitari dopo la pandemia', promosso dalla Fondazione Italia in salute.

"Fare le riforme - ha sottolineato - significa analizzare fino in fondo il nostro Ssn e salvaguardare i principi essenziali che lo hanno ispirato", perché "l'universalità e il modello italiano li dobbiamo difendere, ma dentro questo dobbiamo mettere mano a ciò che non ha funzionato. E con le risorse del Pnrr", il Piano nazionale di ripresa e resilienza, "la prima grande scelta che facciamo è rafforzare l'assistenza territoriale".