Speranza, 'digitalizzazione e territorio fra temi Consulta professioni'


  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 16 gen. (AdnKronos Salute) - "Programmazione della spesa sanitaria, rapporto ospedale-territorio, sanità digitale e formazione". Questi i temi affrontati oggi "nel corso della riunione istitutiva della Consulta permanente delle professioni sanitarie e socio-sanitarie. E' la prima volta che questo tavolo si riunisce, partecipano tutte le professioni del comparto salute e c'è grande disponibilità da parte di tutti per la riforma del nostro servizio sanitario". A parlarne, al termine dell'incontro, il ministro della Salute, Roberto Speranza.

"Da parte di questi operatori - ha sottolineato - c'è una spinta forte a sostegno del Ssn e una piena sintonia sull'obiettivo di fondo, che è quello di renderlo più forte. Bisogna continuare a investire, chiudere la stagione dei tagli. Ma non bastano i soldi, ci vogliono riforme, con una nuova programmazione della spesa che deve superare la divisione 'a silos' e con tetti di spesa; abbiamo poi ragionato sulla grande questione del rapporto fra ospedale e territorio e su come rafforzare quest'ultimo in modo che possa affrontare le cronicità. E sulla sfida della sanità digitale, che bisogna vincere per portare il Ssn nel futuro. Ci sarà una riunione specifica su ognuno di questi temi, incluso quello della formazione: va riformato il sistema di formazione continua dei medici".

C'è stata poi una riunione del "tavolo contro le aggressioni agli operatori sanitari. Nei primi giorni dell'anno - ha ricordato il ministro - abbiamo riscontrato ancora episodi che per noi sono inaccettabili. Lo Stato vuole dare una risposta molto forte con la condivisione di tutto il mondo della salute, facendo comprendere di volersi prendere cura di chi si prende cura di noi, rimettendo al centro queste figure professionali, con un inasprimento delle pene. Le pene sono un deterrente, ma bisogna ridare importanza a tutto il mondo della sanità".