Spallanzani su paziente morto bruciato, cause al vaglio inquirenti

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 19 dic. (AdnKronos Salute) - Le cause dell'incendio di ieri all'Istituto per le malattie infettive Spallanzani di Roma, durante il quale un paziente ricoverato è morto, "sono ora al vaglio degli inquirenti", ha spiegato l'Irccs capitolino in una nota. "Tutti i materiali presenti nella stanza - si legge - sono ignifughi e a norma. Attualmente sono in corso i rilievi da parte dell'autorità di pubblica sicurezza, dei vigili del fuoco e della polizia scientifica. Per motivi precauzionali tutti i pazienti ricoverati nel reparto sono stati immediatamente evacuati e ricollocati all'interno dell'ospedale e non hanno subito alcuna conseguenza".

L'incendio si è sviluppato ieri intorno alle 16.30, "circoscritto e limitato ad un singolo posto letto occupato da un paziente ricoverato presso la Terza Divisione dell'Istituto nazionale per le malattie infettive Lazzaro Spallanzani. Tutti i sistemi di allarme, emergenza ed evacuazione sono scattati immediatamente. Nonostante il pronto intervento del personale di assistenza e della squadra di emergenza antincendio, il paziente è purtroppo deceduto".

La direzione dell'Istituto "ringrazia il personale che è intervenuto prontamente, la squadra di emergenza interna, la vigilanza e i vigili del fuoco e porge le condoglianze alla famiglia del deceduto''.