Sopravvivenza migliore nell’SCLC oligometastatico rispetto a polimetastatico

  • Shirasawa M & al.
  • PLoS ONE
  • 01/01/2019

  • Kelli Whitlock Burton
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • I pazienti con tumore del polmone a piccole cellule esteso (extensive disease-small cell lung cancer, ED-SCLC) e oligometastasi (≤5 metastasi in un singolo organo) ottengono una sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) e una sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) significativamente migliori rispetto a quelli con polimetastasi.

Perché è importante

  • La maggior parte dei pazienti con oligometastasi che subiscono progressione della malattia evidenzia progressione del tumore primitivo; terapia locale unita a trattamento sistemico possono pertanto rappresentare un’opzione.

Disegno dello studio

  • Centoquarantuno pazienti con ED-SCLC sottoposti a chemioterapia sistemica.
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • Quarantanove pazienti avevano oligometastasi e 92 avevano polimetastasi.
  • Il 45% dei pazienti aveva metastasi in un singolo organo e il 55% aveva metastasi in vari organi.
  • L’OS era di 10,0 mesi e la PFS era di 5,5 mesi dopo la chemioterapia di prima linea.
  • I pazienti con oligometastasi hanno ottenuto una PFS (6,4 vs. 4,4 mesi; P=0,001) e una OS (16,0 vs. 6,9 mesi; P
  • Secondo l’analisi multivariabile, la presenza di polimetastasi era associata in modo significativo a una OS peggiore rispetto alla presenza di oligometastasi (HR: 1,76; P
  • L’88% dei pazienti con oligometastasi ha subito progressione della malattia, nell’81% dei casi progressione del tumore primitivo.

Limiti

  • Studio retrospettivo monocentrico.