Snami, 'programmi elettorali copia-incolla neanche decenti'

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 24 ago. (Adnkronos Salute)() - "Neanche la fatica di un copia-incolla decente!". Esordisce così il sindacato nazionale autonomo medici italiani (Snami) commentando i programmi elettorali dei partiti per le elezioni politiche del 25 settembre. "La salute nei programmi elettorali risulta la grande assente - dichiara Angelo Testa, presidente nazionale Snami - come se anche i governatori regionali non si fossero accorti che le case della salute che si dovrebbero fare con i fondi del Pnrr saranno ineludibilmente delle scatole vuote, che ormai negli ospedali si lavora a gettone e si assume dall'estero, che per la medicina di famiglia si chiede ai pensionati di lavorare ma non si programma un efficiente ricambio generazionale". "In poche parole - riassume - si ignora ciò che purtroppo è il bollettino di guerra quotidiano in sanità e si lascia spazio a dei desiderata generici nulla o poco contestualizzati alla realtà del momento".

"Avevamo chiesto provocatoriamente ai partiti - aggiunge Domenico Salvago, vicepresidente nazionale Snami - programmi concreti e non le solite balle, ma dobbiamo sottolineare che a una attenta lettura non si evincono neanche dei copia-incolla interessanti e attualizzati al contesto odierno, segno di quanto poco interessi alla politica nello specifico la sanità territoriale. Praticamente zero, per essere benevoli!”.

”Eppure- sottolinea Gianfranco Breccia, segretario nazionale Snami - il nostro sindacato ha stimolato continuamente la politica indicando possibili soluzioni e sottolineando come il famigerato decreto 77 porterà inevitabilmente a un impoverimento della capillarità territoriale e del rapporto medico-paziente, caratteri inderogabilmente distintivi, identitari e univoci della medicina generale". "Lo Snami boccia i programmi elettorali sulla sanità delle varie compagini politiche - conclude Angelo Testa - e auspica che chi andrà a governare voglia rafforzare la medicina territoriale con l’aiuto di chi come noi lavora sul campo".