Smi-Simet, 'insufficiente risposta ministero, protesta medici continua'

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 2 mar. (Adnkronos Salute) - "La protesta dei medici continua fino a quando non avremmo un impegno istituzionale formale". Lo hanno spiegato all'Adnkronos Salute Pina Onotri, segretaria nazionale del Sindacato medici italiani (Smi) e Mauro Mazzoni, segretario del Sindacato italiano medici del territorio (Simet) che hanno incontrato, in delegazione, una rappresentanza del Gabinetto del ministro della Salute Roberto Speranza e del ministero, nel corso della manifestazione organizzata davanti al dicastero dalle due sigle della medicina generale al termine di due giorni di sciopero.

"Siamo stati solo ascoltati, nessun impegno è stato preso - ha riferito Onotri - e questo non ci basta. Continueremo a mobilitarci". All'incontro, ha confermato Mazzoni "non c'era parte politica. Continueremo lo stato di agitazione per tutta la categoria medica e per difendere i diritti dei nostri cittadini".

Tra le richieste dei due sindacati, sintetizza Onotri, "la trasformazione del corso di formazione di medicina generale in specializzazione; l'avvio di politiche serie per ovviare alla carenza dei medici sul territorio e negli ospedali, il riconoscimento delle tutele, in primis l'infortunio sul lavoro, di tutti i medici convenzionati".