Siru, verso modifica tariffe Lea su procreazione assistita

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 16 feb. (Adnkronos Salute) - Si va verso la modifica delle tariffe dei Livelli essenziali di assistenza (Lea) per la procreazione medicalmente assistita per eliminare le diseguaglianze e consentire alle strutture qualità e sicurezza. Lo annuncia la Società italiana della riproduzione umana (Siru) all'indomani di un incontro al ministero della Salute.

"E’ stato un incontro franco e cordiale - fa sapere la Siru – nel quale si è concordato sull’importanza e la necessità del riconoscimento e dell’applicazione dei Lea della Pma e sulla necessità di una interlocuzione tra società scientifiche e ministero". L’incontro con Antonio Gaudioso, capo della segreteria tecnica del ministro della Salute, Massimo Paolucci, capo della segreteria del ministro e Andrea Urbani, direttore della programmazione sanitaria del ministero della Salute, "ha permesso di avere certezza sulla modifica del tariffario con una maggiore valorizzazione delle prestazioni principali nonché in merito alla piena disponibilità di un adeguamento delle stesse, dell’aggiornamento delle prestazioni e degli stanziamenti annuali per il settore. Questo - sottolinea Siru in una nota - consentirà l’entrata effettiva della Procreazione medicalmente assistita come area sostenuta in tutta Italia dal servizio sanitario e non solo in alcune regioni, eliminando le discriminazioni esistenti, gravi e non più sostenibili".

La Siru nei prossimi giorni procederà a inviare ulteriori proposte di modifica del tariffario, predisponendo anche specifiche richieste di aggiornamento del Nomenclatore con le prestazioni, fermo al 2017. Tutto il sistema sarà razionalizzato e conforme alle evidenze scientifiche e consentirà l’aumento del numero delle coppie che possano accedere alle prestazioni. "Crediamo che oggi - sottolinea il presidente Siru Antonio Guglielmino - ci siano sul serio le condizioni per un cambiamento rispetto al passato. La Siru e tutta la comunità di operatori è pronta a costruire una nuova Pma e a fornire il suo contributo, attenta e vigile".