Sileri, '600mila interventi saltati nel 2020, per recuperarli impegno su altri fondi'

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 11 apr. (Adnkronos Salute) - A causa della pandemia “per il solo 2020 sono oltre 600mila gli interventi” chirurgici non essenziali rimandati o annullati. Si tratta di un problema enorme, ma tutti i soggetti coinvolti stanno dimostrando grandissimo impegno, a partire dal Governo: sono già stati allocati 500 milioni di euro, mi impegnerò affinché ne vengano aggiunti altri”. Lo ha detto il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, intervenuto stamattina al workshop della Società italiana di chirurgia dell'obesità (Sicob) sulla chirurgia laparoscopica bariatrica tenutosi alla Biblioteca nazionale a Roma.

"Un chirurgo - ha detto - non deve mai smettere di imparare, allenamento e ricerca sono fondamentali. Per questo motivo un tema che voglio sottolineare è la simulazione in chirurgia, che permetterebbe un allenamento costante sulle tecniche chirurgiche. Nell’ultima legge di bilancio è stato istituito un fondo per potenziare, nelle aziende sanitarie ospedaliere e negli Irccs, il ricorso a questa metodologia formativa, che tramite la simulazione di scenari operativi permette di testare i limiti del sistema organizzativo e ambientale in cui il personale sanitario opera quotidianamente, con obiettivi valutativi e formativi", ha sostenuto.