Secukinumab non aumenta l’incidenza di malattie infiammatorie croniche intestinali


  • Elena Riboldi — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • In un’analisi di sicurezza che ha aggregato 7.355 pazienti con psoriasi, artrite psoriasica o spondilite anchilosante trattati con secukinumab in 21 studi clinici, i casi di malattia infiammatoria cronica intestinale (inflammatory bowel disease, IBD) non sono risultati comuni.
  • Il tasso di incidenza annuale non aumentava nel tempo con il trattamento con secukinumab.

 

Descrizione dello studio

  • Sono stati aggregati i risultati di 21 studi clinici in cui 7.355 pazienti avevano assunto almeno una dose di secukinumab.
  • I pazienti erano stati trattati con secukinumab fino a 5 anni per psoriasi e artrite psoriasica e fino a 4 anni per spondilite anchilosante (esposizione cumulativa 16.226.9 anni-paziente).
  • Dove disponibili, sono stati inclusi anche i dati di sicurezza post-marketing.
  • È stata valutata l’incidenza di IBD (morbo di Chron [CD], colite ulcerosa [UC] e IBD non classificata [IBD-U]) e sono stati calcolati i tassi di incidenza corretti per l’esposizione (exposure adjusted incidence rates, EAIR)
  • Fonte di finanziamento: Novartis Pharma AG.

 

Risultati principali

  • Tra i 5.181 pazienti trattati per psoriasi si sono verificati 14 casi di UC, 5 di CD e 1 di IBD-U (EAIR rispettivamente 0,13; 0,05; 0,01); 14 di questi 20 casi erano di nuova insorgenza.
  • Tra i 1.380 pazienti trattati per artrite psoriasica si sono verificati 3 casi di UC, 3 di CD e 2 di IBD-U (EAIR rispettivamente 0,08; 0,08; 0,05); 7 di questi 8 casi erano di nuova insorgenza.
  • Tra i 794 pazienti trattati per spondilite anchilosante si sono verificati 4 casi di UC, 8 di CD e 1 di IBD-U (EAIR rispettivamente 0,2; 0,4; 0,1); 9 di questi 13 casi erano di nuova insorgenza.
  • Nell’analisi dei tassi annuali, l’EAIR non aumentava nel tempo con il trattamento con secukinumab per nessuna indicazione.

 

Limiti dello studio

  • Il tasso di incidenza delle IBD era più basso di quello riportato in letteratura per i pazienti con psoriasi, artrite psoriasica e spondilite anchilosante

 

Perché è importante

  • Secukinumab è un anticorpo monoclonale umanizzato diretto contro la citochina IL-17A efficace nel trattamento della psoriasi, dell’artrite psoriasica e della spondilite anchilosante.
  • Ci sono dati che collegano un’inibizione dell’IL-17A alle IBD.
  • Questa analisi di sicurezza sembra indicare che nei pazienti con psoriasi, artrite psoriasica e spondilite anchilosante il trattamento con secukinumab non aumenta il rischio di sviluppare le IBD.