Secondo una metanalisi cinese, i bifosfonati riducono il rischio di sviluppare tumore dell’endometrio

  • Zhang XS & al.
  • Gynecol Oncol
  • 27/06/2018

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • L’uso di bifosfonati è associato a una riduzione significativa del rischio di sviluppare tumore dell’endometrio, ma non tumore dell’ovaio, rispetto al mancato uso.
  • L’uso di bifosfonati per >1 anno riduce il rischio del 43%; nelle donne in post-menopausa del 47%.

Perché è importante

  • I dati pubblicati sull’associazione tra uso di bifosfonati e tumore dell’ovaio/dell’endometrio sono contraddittori.

Disegno dello studio

  • Metanalisi di 7 studi identificati mediante una ricerca nei database MEDLINE, EMBASE e Web of Science.
  • Sono state incluse 6.471 donne con tumore dell’endometrio di 7 studi (213.920 partecipanti) e 6.783 donne con tumore dell’ovaio di 4 studi (105.507 partecipanti).
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • L’uso di bifosfonati era associato a una riduzione del 27% del rischio di tumore dell’endometrio (rischio relativo [RR]: 0,73; P=0,012) rispetto al mancato uso.
  • Nelle donne in post-menopausa, l’uso di bifosfonati era associato a una riduzione del 47% del rischio di tumore dell’endometrio (RR: 0,53 P=0,012) rispetto al mancato uso di bifosfonati.
  • L’uso di bifosfonati per >1 anno era associato a una riduzione significativa del tumore dell’endometrio (RR: 0,57; P=0,024).
  • L’uso di bifosfonati non era associato al rischio di tumore dell’ovaio (RRP 0,81; P=0,227).

Limiti

  • Eterogeneità da moderata ad alta.
  • Mancanza di dati su tipo di bifosfonato e di tumore.