Secondo melanoma primitivo: uno studio valuta all’8% il rischio a 5 anni

  • Lallas A & al.
  • J Am Acad Dermatol
  • 06/09/2019

  • Brian Richardson, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Secondo uno studio di coorte prospettico, i pazienti con melanoma presentano un rischio pari all’8% di sviluppare un secondo melanoma primitivo (second primary melanoma, SPM) entro 5 anni.
  • La fotografia della superficie corporea (total body photography, TBP) e la documentazione dermatoscopica digitale (digital dermatoscopic documentation, DDD) sono utili per individuare l’SPM.

Perché è importante

  • Studi retrospettivi hanno riportato una prevalenza di SPM in un intervallo del 2%–20%, con pochi dati sull’utilità di TBP e DDD.

Risultati principali

  • Il 4,7% dei pazienti ha sviluppato un SPM.
  • L’analisi della tabella vita ha evidenziato un rischio cumulativo di SPM a 5 anni dell’8,0%.
  • I fattori di rischio includevano un numero elevato di nevi (HR: 1,061; P
  • Il 19,2% degli SPM è stato diagnosticato mediante esame clinico e dermatoscopico basale.
  • Il 48,1% dei tumori non era presente al basale ed è stato diagnosticato mediante TBP.
  • Il 32,7% dei tumori era presente al basale, ma non è stato riconosciuto ed è stato diagnosticato successivamente mediante DDD.

Disegno dello studio

  • 977 pazienti con melanoma diagnosticato di recente sono stati seguiti per un massimo di 5 anni con esami clinici e dermatoscopici sequenziali.
  • Finanziamento: nessuno.

Limiti

  • Mancata valutazione degli intervalli ottimali tra le visite.
  • Possibile distorsione diagnostica.