Screening del tumore colorettale: l’intelligenza artificiale riduce il tasso di adenomi non identificati

  • Glissen Brown JR & al.
  • Clin Gastroenterol Hepatol

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Un sistema computerizzato per l’individuazione dei polipi (computer-aided polyp detection, CADe) basato sull’intelligenza artificiale (IA) è associato a tassi di adenomi non identificati (adenoma miss rate, AMR) significativamente inferiori rispetto alla luce bianca ad alta definizione (high-definition white light, HDWL).
  • Il sistema CADe evidenzia un tasso inferiore di lesioni serrate sessili (sessile serrated lesion, SSL) non identificate e un tasso maggiore di adenomi per colonscopia (adenomas per colonscopy, APC) identificati al primo passaggio.

Perché è importante

  • Gli adenomi non identificati possono essere associati allo sviluppo di tumore colorettale di intervallo.
  • È necessaria ulteriore ricerca sulla combinazione delle tecnologie CADe con i dispositivi per l’esposizione della mucosa, perché i loro benefici potrebbero essere additivi.

Disegno dello studio

  • Studio multicentrico, randomizzato, in singolo cieco della colonscopia in tandem.
  • 223 soggetti (età ≥22 anni) sono stati assegnati casualmente a colonscopia CADe effettuata per prima o a colonscopia HDWL effettuata per prima, seguita immediatamente dall’altra procedura in tandem eseguita dallo stesso endoscopista.
  • Esito primario: AMR.
  • Esiti secondari: tassi di SSL non identificati e APC.
  • Finanziamento: Wision LLC.

Risultati principali

  • Il gruppo sottoposto prima a CADe ha evidenziato un AMR significativamente inferiore rispetto a quello sottoposto prima a HDWL (20,12% vs. 31,25%; OR=1,8048; P=0,0247).
  • Il tasso di SSL non identificati è risultato significativamente inferiore nel gruppo sottoposto prima a CADe (7,14% vs. 42,11%; P=0,0482).
  • Gli APC al primo passaggio sono risultati maggiori nel gruppo sottoposto prima a CADe (1,19 vs. 0,90; P=0,0323).
  • Il tasso di adenomi identificati (adenoma detection rate, ADR) al primo passaggio non differiva significativamente tra gruppi (P=0,3091).

Limiti

  • Potenza limitata per la determinazione dell’ADR.