Scotte Siena ospedale con miglior performance per il Mes

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Siena, 4 lug. (AdnKronos Salute) - "Grazie all'impegno straordinario di tutti i professionisti del nostro ospedale, il Policlinico Santa Maria alle Scotte risulta l'azienda ospedaliera con la miglior performance in Toscana secondo i dati Mes 2018. Questo è motivo di grande orgoglio e soddisfazione per tutti noi e ci dà forza per proseguire nell’impegno quotidiano". Così il direttore generale dell'azienda ospedaliero-universitaria Senese, Valtere Giovannini, insieme al rettore dell'università degli Studi di Siena, Francesco Frati, ha presentato i risultati raggiunti dalle Scotte nella valutazione fatta dalla Scuola Sant'Anna di Pisa tramite il Mes-Laboratorio management e sanità, che ogni anno analizza l'attività delle aziende sanitarie toscane in base a indicatori economici, sanitari e sociali.

"Risultati sicuramente positivi - commenta Frati con un'importante crescita rispetto agli anni precedenti, che ci offre lo stimolo per migliorare ulteriormente e garantire alla nostra comunità servizi sempre più efficienti. Proprio in questi giorni - sottolinea inoltre il rettore - abbiamo avuto una notizia importante sull'aumento delle borse di studio per le Scuole di specializzazione dell'università di Siena, che passano da 130 a oltre 180. Un aumento del 50% garantito da Governo e Regione Toscana, che potenzia la formazione medico-specialistica e che ci permette di guardare con fiducia verso il futuro".

Entrando nel merito della 'pagella' Mes, "un ottimo risultato - rileva Giovannini - si registra sul pronto soccorso e sui tempi di attesa per prime visite specialistiche. Anche l'indicatore sulle dimissioni volontarie, correlato alla soddisfazione dell'utente, è nella zona verdone del bersaglio e sono ottimi anche gli indicatori relativi alle attività di ricerca, comunicazione e partecipazione del cittadino". Permangono "marginali criticità su cui la direzione aziendale è impegnata a concentrare gli sforzi organizzativi", conclude l'Aous, per esempio sulla percentuale di assenza o l'appropriatezza medica, in particolare la durata della degenza con un eccesso di giornate di ricovero rispetto alle soglie indicate nel Patto della Salute 2010-2012.