Scoperto punto di attacco contro cancro polmone aggressivo


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 21 nov. (Adnkronos Salute) - Un sottogruppo di tumori del polmone molto aggressivi, potrebbe essere trattato positivamente utilizzando farmaci mirati. La svolta arriva da uno studio coordinato dall’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri Irccs con il sostegno di Airc, pubblicato sul 'Journal of Thoracic Oncology', giornale ufficiale dell’Associazione internazionale degli studi sul tumore del polmone (Iaslc).

La ricerca ha dimostrato in sintesi che tumori con mutazioni nel gene Lkb1, anche in presenza di mutazioni del gene Kras, pur essendo forme tra le più aggressive di cancro del polmone, sono sensibili al trattamento con farmaci che inibiscono Erk, una proteina che rappresenta uno snodo importante per diversi sistemi che regolano le attività di base e il coordinamento delle azioni delle cellule.

Utilizzando la tecnologia Crispr-Cas9, che permette di modificare il genoma in maniera molto precisa ed efficiente, in laboratorio sono stati ricreati dei sistemi cellulari con le stesse alterazioni presenti nei tumori umani e si è potuto stabilire che la mancanza di Lkb1 determina una vulnerabilità del tumore che può essere sfruttata utilizzando gli inibitori di Erk. I risultati dovranno essere ora confermati in studi preclinici e clinici.

"Questo risultato - spiega Mirko Marabese, responsabile dell’Unità di genetica molecolare dell’Istituto Mario Negri - ottenuto grazie alla pluriennale collaborazione con Maria Chiara Garassino, responsabile dell’Unita di oncologia toracica dell’Istituto tumori di Milano, e con il gruppo diretto da Eugenio Scanziani, dell’università degli Studi di Milano, è molto promettente perché sono attualmente in corso sperimentazioni cliniche con i farmaci che inibiscono Erk".

"La possibilità di utilizzare tali inibitori in questo gruppo di pazienti particolarmente svantaggiati è attraente - sottolinea - considerando che le cellule normali dei pazienti stessi non presentano la mutazione di Lkb1 (mutazione presente solo a livello del tumore). In altre parole, le parti dell’organismo non toccate dal tumore dovrebbero essere insensibili al trattamento stesso, con conseguente minore tossicità".

Il tumore del polmone rimane uno dei tumori a più alta incidenza ed è responsabile di un numero rilevante di decessi in Italia e nel mondo. Diverse sono le alterazioni, ormai note, a livello del Dna che caratterizzano questo tumore, e tra i geni più frequentemente mutati vi sono Kras e Lkb1, sinonimo di una prognosi piuttosto sfavorevole anche per la mancanza, al momento, di terapie a bersaglio molecolare.