Scoperte 'chiavi' molecolari autismo e schizofrenia


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 14 dic. (AdnKronos Salute) - Dal completamento del Progetto genoma umano nel 2003 i ricercatori hanno scoperto alterazioni in centinaia di punti del Dna, associate a malattie psichiatriche come il disturbo dello spettro autistico e la schizofrenia. Ora un nuovo studio ha collegato molte di queste varianti genetiche al relativo effetto molecolare nel cervello, rivelando così nuovi meccanismi 'chiave' per alcune malattie. In una serie di articoli pubblicati su 'Science', i ricercatori dell'University of California a Los Angeles, insieme ai colleghi di oltre una dozzina di centri in tutto il mondo, forniscono ora il più grande set di dati sui meccanismi molecolari del cervello, alla base di autismo e schizofrenia.

Una sorta di atlante, che fornisce una tabella di marcia per lo sviluppo di una nuova generazione di terapie mirate per le condizioni psichiatriche. "Questo lavoro fornisce numerosi tasselli mancanti necessari per comprendere i meccanismi delle malattie psichiatriche", ha detto Daniel Geschwind, autore senior di due dei nuovi studi e professore di genetica umana all'Ucla.

Nel 2015 i ricercatori di 15 istituti di tutto il Paese, inclusa l'Ucla, si sono riuniti nel Consorzio PsychEncode per studiare in modo più dettagliato il Dna 'chiave' per il cervello. Lo studio PsychEncode ha analizzato non solo le varianti genetiche legate alle malattie psichiatriche, ma anche i modelli di Rna e proteine ​​in 2.188 campioni di cervello di individui sani e con un disturbo psichiatrico.

In uno dei nuovi studi, Geschwind e colleghi descrivono questi nuovi dati, che aiutano a spiegare il ruolo di decine di migliaia di sezioni di Dna per il cervello. I dati rivelano anche quali geni sono più spesso espressi contemporaneamente, suggerendo nuovi processi e percorsi biologici. Il set di dati - essenzialmente un modello dettagliato del funzionamento molecolare interno del cervello umano - è ora disponibile come punto di partenza per altri ricercatori a caccia di potenziali bersagli farmacologici. "Avere dati affidabili in questo ambito fornisce una base per innumerevoli nuovi studi", assicura Geschwind.

In un secondo articolo, Geschwind e altri collaboratori hanno usato questi nuovi dati per esaminare specificamente le alterazioni nel disturbo dello spettro autistico, nella schizofrenia e nel disturbo bipolare. Usando quasi 1.700 campioni di cervello, i ricercatori hanno rivelato le differenti espressioni genetiche di migliaia di molecole di Rna. Non solo, il team ha individuato anche nuovi geni 'sotto accusa': 5 legati al disturbo dello spettro autistico, 11 al disturbo bipolare e 56 alla schizofrenia.