Sclerosi multipla: maggior rischio di danno cognitivo da adulti se ci si ammala da bambini


  • Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Tra le persone affette da sclerosi multipla (MS) individuate nel registro nazionale svedese, i pazienti con una forma a insorgenza pediatrica (POMS,
  • Inoltre, i pazienti colpiti dalla forma pediatrica hanno maggiori probabilità di incorrere in deterioramento cognitivo in questo dominio.

Descrizione dello studio

  • Lo studio ha incluso pazienti con insorgenza di MS prima di aprile 2018 e con almeno 2 valutazioni con Symbol Digit Modality Test (SDMT), identificati nel Swedish MS Registry, un database nazionale che raggruppa le informazioni di 64 cliniche neurologiche in Svezia.
  • Inclusi solo pazienti tra i 18 e i 55 anni e con durata della malattia inferiore a 30 anni al momento della prima valutazione, in modo da garantire un intervallo comparabile tra il gruppo POMS e quello AOMS,
  • Outcome: efficienza di elaborazione delle informazioni misurata ogni 6-12 mesi tramite SDMT.
  • Follow-up mediano: 3 anni (interquartile range [IQR] 1,6-5,2 anni).
  • Fonti di finanziamento: enti svedesi, canadesi, europei.

Risultati principali

  • Sono stati inclusi 5.704 pazienti: 300 (5,3%) con POMS, 4.015 (70,4%) donne, 5.569 (97,6%) con decorso recidivante della malattia.
  • Gli SDMT analizzati sono stati 46.429.
  • I partecipanti nel gruppo POMS sono stati più giovani al momento della prima valutazione rispetto al gruppo AOMS (25,6 anni, IQR 21,0-31,7 anni contro 38,3 anni, IQR 31,4-45,2 anni).
  • In un’analisi aggiustata per sesso, età, durata e corso della malattia, numero e formato (orale o visivo) di SDMT ed esposizione a terapie modificanti il decorso di malattia, il punteggio SDMT dei pazienti con POMS è stato significativamente inferiore a quello dei pazienti con AOMS (coefficiente β -3,59 [IC 95% da -5,56 a -1,54]).
  • Il punteggio SDMT dei pazienti con POMS è diminuito più velocemente di quello dei pazienti con AOMS (coefficiente β -0,30 [IC 95% da -0,42 a 0,17]).
  • Le probabilità di danneggiamento cognitivo sono state più alte in modo significativo nel gruppo POMS rispetto a quello AOMS (OR 1,44; IC 95% 1,06-1,98).

Limiti dello studio

  • Con il SDMT, la cui esecuzione può migliorare con la pratica, non è possibile identificare altri elementi cognitivi, come memoria e funzionamento esecutivo.
  • Data di insorgenza di MS basata su sintomi auto-riportati.

Perché è importante

  • Il deterioramento cognitivo nella MS può portare a riduzione di qualità della vita, funzionamento sociale e lavoro.
  • La forma pediatrica rappresenta il 2%-10% di tutti i casi della malattia.
  • I bambini e gli adolescenti con MS dovrebbero essere strettamente monitorati e aiutati nella gestione dei potenziali cambiamenti nelle abilità cognitive.