SCLC: un indice di immuno-infiammazione sistemica elevato è collegato a una OS peggiore in una metanalisi

  • Zhou Y & al.
  • Front Oncol

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Secondo una metanalisi, un alto indice di immuno-infiammazione sistemica (systemic immune-inflammation index, SII) è associato a una sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) peggiore e a microcitoma (small cell lung cancer, SCLC) in stadio esteso.

Perché è importante

  • Un SII elevato può essere considerato un biomarcatore prognostico che, in combinazione con altri biomarcatori, può aiutare a guidare le scelte dei migliori trattamenti per l’SCLC.

Disegno dello studio

  • Metanalisi di 8 studi di coorte che hanno coinvolto 2.267 pazienti, identificati mediante una ricerca nei database PubMed, Web of Science, Embase, Cochrane Library e China National Knowledge Infrastructure.
  • 7 degli 8 studi sono stati condotti in Cina.
  • Il SII viene calcolato in base a 3 valori ottenuti dal sangue periferico preoperatorio: conta piastrinica × conta neutrofili / conta linfocitaria.
  • I valori soglia di SII alto variavano da 479 a 1.600; la mediana è risultata 673.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • Un SII alto è risultato associato a una OS peggiore del 52% rispetto a un SII più basso (HR=1,52; P=0,003).
  • Un SII alto non è risultato associato a una sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) peggiore (HR=1,38; P=0,238).
  • Un SII alto è risultato associato a una probabilità più che doppia di SCLC in stadio esteso (OR=2,43; P<0,001).
  • Non è stata osservata alcuna correlazione tra SII e le seguenti caratteristiche: età, sesso, storia di fumatore, punteggio dello stato di validità di Karnofsky o risposta terapeutica iniziale.

Limiti

  • Poiché la maggior parte degli studi proviene dalla Cina, i risultati potrebbero non essere applicabili a popolazioni non asiatiche.
  • La maggior parte degli studi inclusi è di tipo retrospettivo e sono tutti osservazionali.