SCLC recidivante/refrattario: dinutuximab e irinotecano non prolungano la OS

  • Edelman MJ & al.
  • Lung Cancer

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La sperimentazione randomizzata di fase 3 DISTINCT non riporta una maggiore sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) con dinutuximab e irinotecano come terapia di seconda linea per il microcitoma (small-cell lung cancer, SCLC) recidivante/refrattario (RR) rispetto a irinotecano in monoterapia o topotecano in monoterapia.

Perché è importante

  • Negli ultimi decenni i progressi nel trattamento dell’SCLC sono stati relativamente limitati.
  • Questa sperimentazione di fase 3 era molto attesa, perché prevedeva trattamento mirato a GD2 (disialoganglioside), espresso sulle cellule tumorali dell’SCLC, con dinutuximab, un anticorpo monoclonale anti-GD2.
  • L’insuccesso di dinutuximab potrebbe essere dovuto a una dose insufficiente o alla sua incapacità di penetrare masse tumorali di grandi dimensioni.

Disegno dello studio

  • Pazienti affetti da SCLC RR sono stati assegnati casualmente a dinutuximab (16–17,5 mg/m2 per via endovenosa [EV]), somministrato a 187 pazienti il giorno 1; irinotecano (350 mg/m2 EV), somministrato a 190 pazienti il giorno 1 oppure topotecano (1,5 mg/m2 EV), somministrato a 94 pazienti i giorni 1–5 in cicli di 21 giorni.
  • Esito primario: OS.
  • Gli esiti secondari erano sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS), tasso di risposta obiettiva (objective response rate, ORR) e tasso di beneficio clinico (clinical benefit rate, CBR).
  • Finanziamento: United Therapeutics.

Risultati principali

  • La durata del follow-up è stata di 14 mesi.
  • Nessuna differenza tra gruppi in termini di OS: l’OS mediana è stata di 6,9 mesi con dinutuximab/irinotecano rispetto a 7,0 mesi con irinotecano rispetto a 7,4 mesi con topotecano (P=0,3132).
  • Nessuna differenza tra gruppi in termini di PFS, ORR o CBR.
  • Gli eventi avversi di grado 3/4 di dinutuximab/irinotecano (osservati in ≥5% dei pazienti) hanno incluso neutropenia, anemia, diarrea e astenia.

Limiti

  • Disegno in aperto.