Sciatica, chirurgia o strategia di attesa?


  • Alessia De Chiara
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Con un intervento di microdiscectomia, i pazienti che soffrivano di sciatica da almeno 4 mesi a causa di un’ernia di un disco lombare (L4-L5 o L5-S1), hanno ottenuto a 6 mesi una diminuzione del dolore maggiore rispetto ai pazienti trattati con una terapia conservativa (standardizzata).
  • Il 34% dei pazienti di quest’ultimo gruppo è stato sottoposto all'intervento.
  • Un paziente ha dovuto ripetere l’intervento e 9 hanno presentato eventi avversi correlati alla chirurgia.

Descrizione dello studio

  • Lo studio, condotto in un centro in Canada, ha coinvolto pazienti con sciatica della durata da 4 a 12 mesi ed ernia del disco lombare tra la quarta e la quinta vertebra lombare (L4-L5) o nella giunzione lombosacrale (L5-S1).
  • I partecipanti sono stati randomizzati a microdiscectomia o a 6 mesi di cure standardizzate, che hanno incluso esercizio e fisioterapia attiva, seguite dall'intervento in caso di necessità (crossover).
  • L'outcome primario è stato l’intensità del dolore alle gambe su scala analogica visiva (punteggio da 0 a 10, più alto indica dolore più grave) a 6 mesi dalla randomizzazione.
  • Fonti di finanziamento: Physicians' Services Incorporated Foundation.

Risultati principali

  • Su 790 pazienti valutati, 128 sono stati randomizzati (età media 38 anni).
  • Tra i 64 pazienti del gruppo chirurgico, 56 sono stati sottoposti alla procedura dopo un tempo mediano di 3,1 settimane dall'arruolamento.
  • Nel gruppo di cure standardizzate, 22/64 pazienti (34%) sono stati sottoposti a chirurgia dopo una mediana di 11 mesi (2-25).
  • Al basale, il punteggio medio dell’intensità del dolore alla gamba è stato di 7,7 nel gruppo chirurgico e di 8,0 in quello non chirurgico.
  • A 6 mesi, il punteggio è stato rispettivamente di 2,8 e di 5,2 (differenza media aggiustata 2,4; IC 95% 1,4-3,4; P
  • Gli outcome secondari, incluso il punteggio sull'Oswestry Disability Index e il dolore a 12 mesi sono andati generalmente nella stessa direzione dell'outcome primario.
  • La procedura è stata ripetuta in un paziente del gruppo chirurgico a causa di una ernia del disco ricorrente.
  • Nell'analisi intention-to-treat, uno o più eventi avversi correlati alla chirurgia si sono verificati nel 6% dei pazienti nel gruppo chirurgico e nell'8% di quelli nel gruppo non chirurgico sottoposti alla procedura.

Limiti dello studio

  • Possibile bias di selezione.
  • Generalizzabilità limitata (un solo centro).
  • Mancava fino al 20% dei dati per la valutazione dell'outcome primario (usata l'imputazione multipla).

Perché è importante

  • Diversi studi randomizzati hanno mostrato un beneficio a breve termine della chirurgia, ma spesso gli outcome da 6 a 12 mesi erano simili con i due approcci o sono stati coinvolti individui con una durata dei sintomi minore di 3 mesi.
  • Alcuni studi avevano correlato una lunga durata dei sintomi con outcome peggiore associato a discectomia lombare.