Schillaci, 'priorità recuperare ritardi Covid e superare disuguaglianze'

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 6 dic. (Adnkronos Salute) - "Recuperare i ritardi dovuti all'emergenza pandemica è una delle priorità" della sanità post-Covid, così come intervenire sulle disuguaglianze dei territori e lavorare sull'aumento dell'accessibilità e della qualità delle cure". Lo ha ribadito il ministro della Salute, Orazio Schillaci, nel suo intervento alla presentazione del Programma nazionale esiti (Pne) 2022 - Report su dati 2021, curato dall'Agenas (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali), oggi a Roma al ministero della Salute.

"Il Pne - ha sottolineato il ministro - rileva che nel 2021 si è registrata una lieve ripresa delle ospedalizzazioni, che ha riguardato i ricoveri programmati e quelli diurni, ma i volumi di attività rimangono al di sotto dei livelli pre-pandemici". Quindi "recuperare i ritardi provocati dall'emergenza è una delle priorità del mio incarico e su questa intendo puntare con grande determinazione", ha assicurato Schillaci.

"Ritengo al contempo prioritario il superamento delle disuguaglianze territoriali nell'offerta sanitaria", ha aggiunto il ministro. Perché "se da una parte è vero che bisogna tener presente le peculiarità delle varie regioni - ha precisato - dall'altra è necessario far sì che tutti i cittadini, indipendentemente da dove sono nati o risiedono, e indipendentemente dal loro reddito, abbiano le stesse opportunità. Mai come in questo periodo, consapevoli della centralità della salute, dobbiamo lavorare per un miglioramento continuo dell'accessibilità, della qualità e dell'equità delle cure e dell'assistenza territoriale".

"Il Programma nazionale esiti - ha evidenziato Schillaci - è uno strumento essenziale per comprendere la sanità del presente e programmare la sanità del futuro, soprattutto partendo dalla valorizzazione e dalla messa a sistema delle tante pratiche virtuose esistenti. Il Pne è il risultato di un'intensa attività di analisi e raccolta dati, aggiornata e implementata nel tempo, e fotografa l'efficacia nella pratica, l'appropriatezza, l'equità di accesso e la sicurezza delle cure garantite dal Servizio sanitario nazionale nell'ambito dei Livelli essenziali di assistenza. Sono indicatori fondamentali, questi, sia per rendere disponibili ai cittadini informazioni chiare e certificate sui servizi erogati nelle strutture presenti sui territori, sia per fornire ai decisori e ai professionisti sanitari elementi essenziali per intervenire laddove emergono criticità, in un'ottica di miglioramento costante e stimolo di una competitività costruttiva".

"I dati del Pne 2022 - ha spiegato il ministro - fanno riferimento all'attività assistenziale effettuata nel 2021 da 1.377 ospedali pubblici e privati e a quella relativa al periodo 2015-2021 per la ricostruzione dei trend temporali. Le attività di monitoraggio e valutazione condotte da Agenas restituiscono una dettagliata fotografia dello stato di salute del nostro sistema sanitario nazionale e permettono anche di valutare l'impatto della pandemia di Covid-19 sul sistema dei servizi. Ciò costituisce un supporto fondamentale per procedere con appropriatezza e rigore alla riorganizzazione del sistema sanitario nazionale dopo la fase emergenziale della pandemia".

"In questa fase post-pandemica - ha insistito Schillaci - è necessario rispondere in modo tempestivo ad alcune priorità. Una su tutte è quella delle liste d'attesa, delle prestazioni che a causa dell'emergenza Covid non sono state erogate. Penso in particolare agli screening oncologici, ai ricoveri e agli interventi rimandati o sospesi soprattutto nelle prime fasi dell'emergenza sanitaria che abbiamo vissuto".