Sardegna, 'sì incentivi ai medici di base che scelgono sedi disagiate'

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Cagliari, 16 feb. (Adnkronos Salute) - Due milioni di euro per incentivare i medici di base e i pediatri che scelgono sedi disagiate o disagiatissime: li ha stanziati il Consiglio regionale, nel corso della manovra finanziaria approvando all’unanimità l’emendamento a firma Pierluigi Saiu (Lega Sardegna). "La maggioranza ha condiviso la nostra proposta e poi il consiglio regionale l’ha approvata all’unanimità, con la firma di tutti i rappresentanti dell’assemblea", spiega il capogruppo della Lega e primo firmatario Pierluigi Saiu.

"L’emendamento ha lo scopo uniformare il livello di assistenza sanitaria dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta nell’intero territorio regionale - ha proseguito Saiu - andando a riequilibrare sedi in forte disagio dove la necessità di medici di base e pediatri è un problema sempre più sentito".

"Si tratta di un incentivo economico che si aggiunge a quelli già deliberati dal consiglio regionale con le risorse aggiuntive e quelli a favore degli specializzandi che si spostano da Cagliari e Sassari. Una misura che, nel quadro generale di mancanza di medici, in particolare di medici di base e pediatri, su tutto il territorio nazionale, ha la funzione di riequilibrare la situazione delle sedi più svantaggiate andando incontro alle richieste dei sindaci e delle popolazioni", ha concluso il capogruppo della Lega.