Sanità, Palermo (Anaao): "Serve piano assunzioni medici da 1 mld l'anno"


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 12 dic. (Adnkronos Salute) - L'incremento annuale del Fondo sanitario intorno ai 2 mld "può rappresentare il primo passo verso la salvezza, ma serve per avviare un grande piano di assunzioni il cui costo è valutabile, per i soli medici e dirigenti sanitari, in circa un miliardo di euro". Lo sottolinea Carlo Palermo, segretario nazionale dell'Anaao Assomed, il sindacato dei medici e dirigenti del Ssn, che oggi celebra i 60 anni dalla sua fondazione con un evento a Roma. L'Anaao con 22.000 iscritti è il primo sindacato dei medici dipendenti e della nuova area contrattuale della dirigenza sanitaria.

"Importante - aggiunge Palermo - è sicuramente dare seguito alle promesse avanzate da parte di esponenti dell’attuale maggioranza governativa per la salvaguardia del Ssn. Avere per almeno un quinquennio la certezza di un incremento annuale del Fondo sanitario intorno ai 2 mld può rappresentare il primo passo verso la salvezza, il livello minimo di finanziamento per affrontare le criticità emergenti".

"In presenza di uno sblocco largo delle assunzioni, per far fronte alla carenza attuale e futura di specialisti - suggerisce nella sua relazione il segretario nazionale dell'Anaao - deve essere rapidamente emanato il regolamento inter-ministeriale attuativo della norma contenuta nell’articolo 12 del Dl Calabria, voluta dall’ex ministro della Salute Giulia Grillo insieme a noi, che permette l’assunzione a tempo determinato degli specializzandi del quarto e quinto anno con un contratto di lavoro a tempo parziale collegato a quello dell’area della dirigenza sanitaria. Ad oggi sono circa 9.000 i medici in formazione interessati, e rappresentano, insieme con i circa 15.000 specializzati degli ultimi tre anni, una platea adeguata per tamponare la prima ondata pensionistica che avremo entro il 2022".