Sanità: Fnomceo, partito tavolo medicina generale, base per riforma Ssn


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 25 ago, (Adnkronos Salute) - Si è insediato ieri alle 15, al ministero della Salute, il tavolo sulla medicina generale a cui hanno partecipato il ministro della Salute, Roberto Speranza, i sindacati del settore e Filippo Anelli, presidente della Fnomceo, la Federazione nazionale degli Ordini dei medici che, in una nota, sottolinea come "oggi più che mai sembra essere necessaria una sostanziale modifica dell’organizzazione dell’assistenza territoriale. Assistenza che non può più essere in capo a un singolo medico, il medico di medicina generale o il pediatra di libera scelta, ma deve essere erogata da un team multidisciplinare, che metta a disposizione del cittadino, in uno stesso luogo e in modo sinergico, le diverse e peculiari competenze dei professionisti".

In altre parole, serve "un sistema che, per rispondere in modo appropriato alle domande di salute dei cittadini, metta, sul territorio, i professionisti al centro, e non più le aziende", scrive Anelli in una nota. "Quello che stiamo vivendo è, nel bene e nel male - continua - un momento straordinario. Un momento straordinario, perché la salute pubblica è provata dalla pandemia di Covid-19".

"Ma anche perché - scrive Anelli - veramente il Governo sta facendo di tutto per trasformare la crisi in un’opportunità. E lo sta facendo investendo risorse nel Servizio sanitario nazionale, come mai era accaduto nel passato".

"Ora, con la disponibilità del Recovery Fund - prosegue Anelli - siamo veramente a un punto di svolta: abbiamo l’occasione di innescare e portare avanti quel progetto di riforma che il nostro Servizio sanitario nazionale attende da anni".

"L’ultima riforma - aggiunge - risale al 1999, ed è quella voluta dall’allora ministro Rosy Bindi. Una riforma che, a distanza di più di vent’anni, ha esaurito la sua forza propulsiva e mostra i suoi punti di debolezza". "Le risorse che l’Europa oggi mette a disposizione del Governo italiano possono davvero fare la differenza – ha concluso – e permettere una modifica sostanziale dell’organizzazione e dell’erogazione dell’assistenza, con modalità che già in parte si stanno sperimentando in diverse Regioni".