Sanità, a Teramo 5 chirurghi da Arabia ed Emirati a lezione in sala operatoria

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Teramo, 3 mar.  (Adnkronos Salute) - Cinque chirurghi provenienti da Arabia Saudita ed Emirati Arabi oggi  "a lezione" in sala operatoria all’ospedale di Sant’Omero. I medici stranieri sono arrivati al "Val Vibrata" per assistere all'intervento di SphinKeeper effettuato per l'incontinenza fecale  e il perfezionamento della tecnica chirurgica. Questa tecnica permette di trattare in modo efficace diverse forme di incontinenza fecale con ridotto disagio per il paziente e tempi di degenza contenuti.

Sono ospiti del professor Renato Pietroletti, responsabile della Uosd di Chirurgia Proctologica ad indirizzo universitario e del dottor Mario Cicconi direttore della Uoc di Chirurgia generale dell’ospedale di Sant'Omero, centro di riferimento regionale per le patologie colon-proctologiche. I quattro chirurghi provenienti da Abu Dhabi (Emirati Arabi Uniti) e un chirurgo da Riyad (Arabia Saudita) seguono un training diviso in due parti: una  teorica dedicata all’approfondimento degli aspetti fisiopatologici e ai vantaggi della procedura e una seconda in sala operatoria con tre live surgery. 

Al termine della giornata di formazione i partecipanti potranno confrontarsi e discutere i casi clinici. "E’ questo  l’esempio - commenta il direttore generale Maurizio Di Giosia - di quanto la nostra Asl punti sull’innovazione, sia tecnologica che di procedure, tanto da diventare attrattiva anche per chirurghi stranieri. E la condivisione di tecniche in cui siamo assolutamente all’avanguardia per noi è motivo di orgoglio".